Italia in prima linea in fatto di investimenti sostenibili

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati11 settembre 2019 | 15:54

L’investimento sostenibile è un tema caldo per il settore dell’asset management negli ultimi anni. I Principles for Responsible Investment delle Nazioni Unite, lanciati più di dieci anni fa, sono oggi un progetto globale in crescita, con più di 2.300 membri che rappresentano complessivamente 85mila miliardi di dollari in asset gestiti.

Supponendo che i clienti privati debbano essere altrettanto entusiasti dei prodotti sostenibili, Vontobel Asset Management ha commissionato un sondaggio che ha visto intervistare 4.600 persone in 14 paesi per scoprire cosa pensano realmente gli investitori. I risultati su base globale hanno dimostrato che, sebbene gli investitori seguano principi sostenibili nella loro vita quotidiana, la loro consapevolezza delle opportunità di investimento sostenibile è limitata: il settore ha ancora molta strada da fare prima che i criteri ESG diventino centrali per gli interessi degli investitori al dettaglio.

L’ESG rimane un approccio molto minoritario nel mondo degli investimenti e del risparmio. A livello globale, solo il 29% degli intervistati ha preso decisioni di risparmio e di investimento secondo i principi ESG e in media. Nel nostro Paese la percentuale destinata a questo tipo di investimento è una delle più alte con il 41%, il che porta l’Italia in prima linea tra i Paesi che hanno partecipato allo studio.

In media, il 59% degli intervistati non sa nemmeno che un approccio ESG al risparmio e all’investimento sia possibile. Sorprendentemente, i rispondenti della Norvegia e del Regno Unito, che si presume siano all’avanguardia in questo campo, sono i meno propensi a investire in questo approccio. In particolare, il 75% e il 61%, rispettivamente, non ha mai sentito parlare dell’argomento. In Italia, questa percentuale è del 47%, contro una media del 59%.

Opportunità ESG, queste sconosciute

Una delle ragioni della mancanza di conoscenza tra gli investitori è la carenza di informazioni. Lo studio dimostra che gli investitori sono interessati ad adottare un approccio ESG e hanno bisogno di sostegno e consulenza per trasformarlo in un processo decisionale finanziario. In particolare, il 47% dei partecipanti allo studio afferma di desiderare maggiori informazioni dai propri intermediari. Solo il 17% dei partecipanti all’indagine su oltre 4.600 investitori ha ricevuto una proposta dal proprio consulente in merito alle opportunità ESG. Questa percentuale sale al 18% in Italia.

Si tratta chiaramente di un’opportunità per i fornitori di prodotti e i consulenti finanziari per iniziare a colmare il gap di conoscenza e quindi incoraggiare gli investimenti ESG. La necessità esiste ed è dimostrata da alcuni risultati incoraggianti di questa indagine, che rivela che gli investitori italiani sarebbero disposti a destinare il 49% di un ipotetico portafoglio di 100.000 euro ad investimenti in linea con questi principi.

Una buona opportunità per gli intermediari

“Dobbiamo dimostrare che ESG non sacrifica la performance”, spiega Matteo Villani, responsabile di Vontobel Asset Management Italia. “Infatti, investire in aziende che affrontano aspetti sostenibili è in grado di mitigare i rischi ed è più redditizio nel lungo termine”. Lo studio mostra che il 23% degli intervistati italiani ritiene che le aziende che si comportano in modo etico saranno più redditizie nel lungo termine. Inoltre, in Italia, la percentuale di risparmiatori che affermano che abbandonerebbero l’investimento in un’azienda se non si comportasse in modo etico è del 43%, leggermente inferiore alla media dello studio, 45%.

Il messaggio dello studio è chiaro. Mentre gli investitori sono desiderosi di adottare un approccio basato sui valori, hanno bisogno di supporto e consulenza per trasformarlo in decisioni finanziarie. I problemi ESG ci danno già informazioni circa i loro comportamenti in modi fondamentali – dalle auto che guidano alle scelte di acquisto che fanno – ma ora le persone hanno bisogno di maggiore aiuto per estendere questo approccio al risparmio e all’investimento.

La tendenza verso gli investimenti ESG non potrà che accelerare. Man mano che questioni come il cambiamento climatico diventano sempre più importanti e la modifica della normativa aumenta il profilo degli approcci ESG agli investimenti, i risparmiatori e gli investitori chiederanno di più ai consulenti e ai fornitori di prodotti.

“Vontobel – si legge in una nota della società – è consapevole che non esiste un unico approccio corretto all’ESG. Ogni risparmiatore e investitore ha le proprie convinzioni e i propri valori – e, naturalmente, obiettivi finanziari altamente individuali e personali. Sarà dunque fondamentale lavorare con tutti gli investitori per capire le loro esigenze”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lyxor AM: “ETF, il veicolo adatto per gli investimenti ESG”

Fidelity International lancia la Famiglia di Fondi Sostenibili

Poste Italiane a 5 stelle per investimenti sempre più responsabili

Ti può anche interessare

ConsulenTia19, gestori in vetrina: JP Morgan Asset Management

Intervista a Lorenzo Alfieri, Country head Italy di JP Morgan Asset Management. ...

Fondi, top e flop del 7/02/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Novità per la sostenibilità di Carmignac. La società ha annunciato la nomina di Justin Kew, CFA, ...