Investimenti, la stagione europea dei rendimenti azionari

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Luglio 2020 | 14:26

Vi proponiamo di seguito uncontributo a cura di Ann Steele, gestore azionario europeo di Columbia Threadneedle Investments.

In Europa abbiamo assistito a un secondo trimestre caratterizzato da utili interessanti, con il 65% delle aziende che hanno battuto le aspettative del mercato. Un primo punto è stato segnato al culmine della crisi Covid, quando le perturbazioni sono state più gravi e il mercato ha anticipato modesti upgrade di guadagni per azione. La cosa più importante è che questo contesto ci offre una migliore percezione delle aspettative di consenso nel secondo semestre e fino al 2021. Dal settore industriale è arrivata qualche buona notizia. Ad esempio, Knorr Bremse, produttore tedesco di freni per autocarri e ferrovie, ha recentemente pubblicato una anteprima dei risultati e i loro margini hanno sorpreso positivamente con un +17% contro un consenso del +9,4%. L’azienda ha introdotto precocemente un rigoroso programma di riduzione dei costi nel settore dei veicoli ferroviari e dei veicoli commerciali, che ha attenuato in modo significativo gli effetti del rallentamento del mercato sulla sua attività. La riduzione dell’orario di lavoro nel settore dei veicoli su rotaia è stata revocata il 1° luglio in risposta all’aumento della domanda. Il loro business Asia/Veicoli Commerciali del Pacifico ha registrato tassi di produzione record dopo la rapida ripresa della Cina in aprile-maggio. Sandvik, produttore di utensili per l’industria mineraria, ha prodotto il 14% dei margini nella divisione early cycle di utensili da taglio, dopo un risparmio di 1,5 miliardi di corone svedesi (SEK1,5 miliardi), mentre nella recessione del 2008/09 era in perdita. Volvo è un altro esempio. L’azienda ha prodotto un +2% di margini negli autocarri, in contrasto con il 2008/09 che aveva mostrato un EBIT negativo. I risultati finanziari iniziali registrati dalle società europee durante questo periodo mostrano che i margini, nonostante il ciclo economico, saranno migliori del previsto e crediamo che i due terzi di questo beneficio saranno permanenti – portando a un miglioramento strutturale e nel futuro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Assogestioni, il 2019 segna il nuovo corso del gestito

Ci eravamo lasciati nel 2018 con circa 10 miliardi di raccolta complessiva, con 4 miliardi di deflus ...

Asset allocation, meglio essere codardi

Cari investitori, non è il momento di essere coraggiosi. Ce lo dice un commento sui mercati globa ...

Ubp, nuovo volto per gli investimenti alternativi

Union Bancaire Privée annuncia oggi l’ingresso di Kier Boley, che è stato nominato CIO Alternati ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X