Amundi Pef, ecco un nuovo fondo sulle infrastrutture

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Dicembre 2020 | 11:51

Amundi Private Equity Funds (“Amundi PEF”), partecipata al 100% da Amundi, il primo asset manager europeo, annuncia il lancio di una nuova strategia diversificata dedicata alle infrastrutture. Trattandosi di una asset class molto ricercata dagli investitori istituzionali, gli investimenti in infrastrutture si distinguono in termini di caratteristiche finanziarie e mirano a fornire flussi di reddito stabili e preventivabili.

Questa nuova strategia, che utilizza un approccio diversificato e riproducibile su larga scala, è destinata agli investitori istituzionali che non hanno le risorse interne e l’esperienza necessaria per investire direttamente in infrastrutture e, in particolare, agli investitori che preferiscono affidare i propri investimenti a specialisti con grande esperienza, data la crescente complessità di questa asset class. Attraverso investimenti diretti o un’attenta selezione di fondi specializzati in infrastrutture di terzi, la strategia offre una forte diversificazione[3] sia in termini settoriali che di aree geografiche, con un’attenzione particolare ai settori dell’energia, dei trasporti e delle telecomunicazioni, principalmente in asset core/core+ in Europa. L’investimento minimo è pari a 5 milioni di euro e il target di tasso interno di rendimento netto (IRR) è tra l’8% e il 10%, con un rendimento periodico tra il 4% e il 5%.

Guy Lodewyckx, Head of Private Markets Multi-management, ha dichiarato: “sulla base delle relazioni che intratteniamo con i più grandi fondi dedicati alle infrastrutture a livello globale e della nostra esperienza nella gestione per grandi investitori di veicoli che investono in infrastrutture, cerchiamo di rendere il mercato delle infrastrutture accessibile a tutti gli investitori istituzionali, qualunque sia la loro dimensione o esperienza in questa asset class. Ora siamo in grado di offrire un’innovativa strategia di investimento ibrida che mira a beneficiare di potenziali redditi periodici, con una struttura commissionale competitiva e un approccio ESG pienamente integrato nel processo di investimento.”

Amundi PEF, che gestisce la strategia ed è firmataria dei Principi per gli Investimenti Responsabili, applica i criteri extra-finanziari di natura ESG (ambientali, sociali e di governance) nella selezione e gestione degli asset. L’obiettivo è selezionare e investire in risorse a supporto del finanziamento della transizione energetica e del contrasto al riscaldamento globale. Per gli investimenti in infrastrutture legati alla transizione energetica, Amundi PEF si avvale della competenza di Amundi Energy Transition, la joint venture tra Amundi (60%) e EDF (40%), specializzata in questa tipologia di investimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi colloca il suo primo Pir Alternativo agroalimentare

Investimenti, per la previdenza la parola d’ordine è anti-fragile

Asset allocation: tutti i consigli di Amundi

NEWSLETTER
Iscriviti
X