Milano sotto schiaffo in apertura

A
A
A
di Luca Spoldi 23 Maggio 2013 | 07:36

Come previsto il dietrofront di Wall Street di ieri e il tonfo dei listini asiatici di stamane fanno scattare vendite su tutti i mercati e tutti i settori in Europa. A Milano in affanno Fiat, i bancari e il lusso


A SOFFRIRE DI PIU' SONO FIAT, MPS E BPM, MA CEDE ANCHE IL LUSSO – Tutto come previsto, con aperture in deciso calo che colpiscono indistintamente tutti i settori e i mercati europei ma si accaniscono in particolare sul comparto finanziario, dopo il dietrofront di Wall Street di ieri e il tonfo del Giappone e dei mercati asiatici stamane. Dopo una ventina di minuti di lavoro a Milano l’indice Ftse Mib cede l’1,95%, mentre l’indice Ftse Italia All-Share oscilla a -1,96% e il paniere Ftse Italia Star segna -1,78%. Scontata l’assenza di un qualsivoglia segno positivo tra le blue chip, i cali più consistenti toccano per ora Fiat, Mps, Bpm, Ferragamo, Intesa Sanpaolo, Luxottica, Ubi Banca e Mediolanum, tra il 2,5% e il 3% di rosso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti