New York tira il fiato, bene i farmaceutici

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Febbraio 2014 | 22:17

Microsoft sottotono: con le nuove nomine odierne finisce l'era Gates. Ancora in rialzo bond, oro e petrolio: gli investitori continuanoa cercare porti sicuri


FARMACEUTICI IN RIPRESA – Dopo il temporale di ieri, torna per ora il sereno a Wall Street dove a fine giornata l’indice Dow Jones recupera lo 0,47%, l’S&P500 segna +0,76%, il Nasdaq chiude in rialzo dello 0,86% e le small cap del Russell 2000 terminano a +0,75%. Tra le blue chip svettano i titoli del comparto farmaceutico con Pfizer, Merck e Du Pont in crescita di quasi 3 punti.

MICROSOFT FRENA, FINISCE L’ERA GATES – In calo United Technologies e Boeing, ma anche Microsoft, che ha annunciato come previsto la nomina di un nuovo amministratore delegato (Satya Nadella, al posto di Steve Ballmer) e di un nuovo presidente (l’ex Ceo di Symantech, John Thompson, al posto del fondatore Bill Gates). I T-bond dal canto loro vedono il rendimento sul decennale calare al 2,63% e quello del trentennale rimanere sul 3,60%. L’oro si conferma in discreta forma chiudendo a 1.254,1dollari l’oncia (altri 9,8 dollari di guadagno), l’argento resta a 19,48 dollari (un paio di centesimi di perdita), mentre il petrolio resta sui 97,42 dollari al barile (2 centesimi meno del precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X