Milano chiude in moderato calo, pesano le banche

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Marzo 2016 | 16:53

Banche indietro tutta a Milano, ma petroliferi, industriali e lusso tornano a salire e così limitano i danni, al termine di una settimana comunque positiva. L'attesa per la Bce resta grande ma qualcuno prende profitto su Banco Popolare, Bpm, Unicredit, Intesa Sanpaolo e Ubi Banca

CALO ODIERNO NON ROVINA RECUPERO SETTIMANALE – Finale di settimana che vede prevalere le prese di profitto, anche se il bilancio complessivo è positivo come prevedibile in vista della riunione della Bce del 10 marzo prossimo che potrebbe varare nuove misure a sostegno della crescita e per combattere la deflazione. Così a fine giornata il Ftse Mib segna -0,38%, il Ftse Italia All-Share perde lo 0,31%, il Ftse Italia Star segna +0,63% e il Ftse Aim Italia chiude a +0,21%.

TENARIS CORRE, LE BANCHE ARRETRANO – Tra le blue chip tricolori si mettono in luce Tenaris, Moncler e Cnh Industrial, con rialzi tra i 5 e i 3 punti a testa. In deciso arretramento tutto il comparto finanziario, con Banco Popolare e Bpm in rosso di oltre 3 punti a fine seduta, seguiti da Unicredit, Intesa Sanpaolo e Ubi Banca che chiudono in calo di un paio di punti percentuali o poco più.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X