Dove trovare le opportunità nell’obbligazionario statunitense

A
A
A
di Redazione 23 Agosto 2017 | 11:57

I Treasury americani, in considerazione dell’attuale quadro macroeconomico, caratterizzato da uno scenario di crescita piuttosto robusto e da una Fed impegnata in un’azione di graduale rialzo dei tassi, non appaiono particolarmente favoriti. È l’opinione di Luca Franchi, Responsabile Gestioni Obbligazionarie e Valutarie di UBI Pramerica Sgr, secondo cui “la curva dei tassi Usa infatti prezza al momento poco più di un rialzo dei tassi all’anno per i prossimi 3 anni ed un picco dei FED Funds poco superiore al 2%. Ciò risulta decisamente inferiore alle previsioni della stessa Fed (che invece prevede un picco intorno al 3%) pertanto i rischi appaiono sbilanciati in maniera significativa verso un salita dei rendimenti maggiore di quello che è attualmente incorporato dai tassi forward”.

“A queste considerazioni si aggiunge un posizionamento del mercato che appare decisamente meno sbilanciato dell’inizio dell’anno quando la quasi totalità degli investitori risultava sottopesata. Queste considerazioni ci inducono a privilegiare un’esposizione moderata in termini di duration sulla curva americana. L’eventuale rialzo dei rendimenti superiore alle attese avrebbe invece la possibilità di rafforzare il dollaro riportandolo nel range prevalente in gran parte degli ultimi due anni. Quindi il posizionamento a cambio aperto sui Treasury potrebbe fornire una discreta copertura al rischio di duration”.

“Analizzando l’outlook della Fed in termini di politica monetaria, il proseguimento del ciclo della Banca centrale americana dovrebbe continuare (come è usuale) ad appiattire la curva statunitense fino a portare il differenziale tra 2 e 10 anni a poche decine di basis point. In questo tipo di scenario dovrebbe essere poi accentuata la sottoperformance della parte centrale della curva (5 anni) che è particolarmente vulnerabile durante i cicli di rialzo”.

“In termini di scelte di esposizione nei confronti del Treasury, a nostro avviso lo scenario attuale farebbe propendere per una duration contenuta sui titoli di Stato statunitensi, con eventualmente il mantenimento di una posizione a cambio aperto e una relativa sovraesposizione della parte a lunga o perlomeno delle ali estreme della curva rispetto alla parte centrale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Obbligazioni, valido l’investimento in America Latina

Come intercettare le opportunità sull’obbligazionario statunitense

High Yield Usa, crollo dei tassi di default per i bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X