Blueindex – Tutti contro il patto Generali – Agricole

A
A
A
di Cosimo Baccaro 22 Maggio 2009 | 13:56
Continua la querelle fra Intesa Sanpaolo e Credit Agricole. Adesso anche le fondazioni azioniste di Intesa potrebbero entrare nella vicenda per tutelare i proprio interessi. Ultima in ordine di tempo è l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Ultima giornata di contrattazioni col segno positivo in tutta Europa. Non bastano le cattive notizie di ieri provenienti dagli Stati Uniti a deprimere le borse del Vecchio Continente. In avvio di seduta le borse partono col turbo e mantengono il segno più per tutto il tempo. A trainare l’Europa è Piazza Affari che è il listino che guadagna maggiormente. Bene i finanziari, con Intesa che guadagna più del 2% nonostante le notizie che la riguardano.

Giornata calda per [s]Intesa Sanpaolo[/s], al centro del contenzioso con Agricole.
La banca milanese è sotto l’occhio dell’Antitrust per la vicenda riguardante il patto di consultazione stipulato tra Credit Agricole e Generali. Una mano le viene tesa dalle fondazioni azioniste della banca stessa, che potrebbero schierarsi anche loro al fianco di Intesa.
Ma facciamo un rapido excursus della vicenda.
Credit Agricole e Generali avevano stipulato un patto di consultazione che le portava insieme a detenere una quota del 10,89% nel capitale di Intesa. La banca francese ha così trasformato la sua partecipazione da unicamente finanziaria a strategica, su precisa richiesta delle autorità francesi. Ma tutto ciò ha creato dei problemi in Italia, in quanto gli accordi fra Intesa e Agricole erano diversi. Infatti subito dopo la fusione tra  Banca Intesa e Sanpaolo Imi del 2006 c’era l’impegno da parte di Agricole di far scendere la propria partecipazione nel neonato gruppo al 5% nel 2008 e al 2% entro il 2009. Attualmente invece Credit Agricole continua a detenere una quota del 5,8%, che comunque non ha potuto smobilizzare sul mercato perchè in un periodo di mercato ribassista avrebbe realizzato una forte minusvalenza. Pertanto il mancato rispetto dell’accordo, con l’aggiunta della stipula del patto con il Leone di Trieste ha fatto scattare l’istruttoria da parte dell’Antitrust.
Naturalmente il gruppo guidato da [p]Corrado Passera[/p] ha mosso dei passi per tutelarsi: ha già affidato l’incarico di gestire i propri interessi nella vicenda allo studi Pedersoli, anche perchè Intesa Sanpaolo rischia una sanzione compresa fra l’1% e il 10% del proprio fatturato, ciò varrebbe a dire una multa che potrebbe arrivare ad un massimo di 5 miliardi di euro.

Ovviamente il danno si ripercuoterebbe a cascata sugli azionisti dell’istituto milanese. Fra queste ci sono le fondazioni che detengono quote importanti nel capitale di Intesa: Cariplo, San Paolo e Carisbo. Queste ultime hanno già dato mandato allo studio legale Portale Visconti di curare i loro interessi. A queste si è aggiunta nelle ultime ore anche l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, azionista del gruppo con una percentuale del 3,5%. L’interesse delle fondazioni non è in contrasto con Intesa Sanpaolo, ma solo nell’interesse degli azionisti che potrebbero essere fortemente penalizzati da una eventuale multa dell’Antitrust alla banca milanese.

L’intenzione del gruppo presieduto da [p]Giovanni Bazoli[/p] è comunque quello di addivenire ad un accordo con la banca francese, per arrivare alla riscrittura del patto Agricole-Generali oppure alla definitiva rescissione di quest’ultimo. Pertanto proseguono i contatti fra i due istituti.
Aspettiamo i risvolti ulteriori di questa vicenda.

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche Börse (XETRA) 68,20 EUR -3,82%
American Express NYSE 24,15 USD 0,71%
Axa EURONEXT 12,79 EUR -3,14%
Azimut BORSA ITALIANA 6,63 EUR -0,45%
Banca Generali BORSA ITALIANA 5,87 EUR 3,35%
Bank of NY Mellon NYSE 27,20 USD 2,03%
Barclays LSE 17,80 USD 0,34%
BlackRock NYSE 141,75 USD 3,35%
BNP EURONEXT 45,01 EUR -0,16%
BPM BORSA ITALIANA 4,80 EUR -3,13%
Citigroup Inc NYSE 3,72 USD 0,81%
Credit Agricole EURONEXT 10,48 EUR -2,65%
Credit Suisse Group SWISS MARKET EXCHANGE 47,42 CHF -0,17%
Deutsche Bank Deutsche Börse (XETRA) 46,92 EUR 1,23%
Dexia EURONEXT 4,57 EUR -1,30%
Fortis EURONEXT 2,63 EUR -4,44%
FT Inv. NYSE 61,03 USD -1,07%
Goldman Sachs NYSE 137,16 USD 0,79%
Henderson /font> LSE 80,00 GBp -4,76%
HSBC Investments LSE 540,50 GBp -3,74%
ING EURONEXT 7,93 EUR -3,12%
IntesaSanpaolo BORSA ITALIANA 2,58 EUR -3,28%
Invesco NYSE 14,49 USD -0,96%
Janus Capital Group NYSE 9,52 USD -1,14%
Jp Morgan NYSE 34,90 USD 1,01%
Julius Baer SWISS MARKET EXCHANGE 44,50 CHF 1,37%
Legg Mason NYSE 18,71 USD -0,37%
Man Group LSE 222,50 GBp -4,10%
Mediobanca BORSA ITALIANA 8,51 EUR -2,41%
Mediolanum BORSA ITALIANA 3,44 EUR -3,10%
Morgan Stanley NYSE 28,09 USD 0,32%
Montepaschi Siena BORSA ITALIANA 1,31 EUR -2,53%
Natixis EURONEXT 1,50 EUR -1,19%
Nordea bank OMXNORDICEXCHANGE 60,90 SEK -0,65%
Raiffeisen wienerborse 28,89 EUR 3,22%
Schroders LSE 845,50 GBp -3,15%
Skandia (Old Mutual) LSE 67,50 GBp -4,93%
State Street NYSE 43,30 USD 4,64%
Ubs SWISS MARKET EXCHANGE 16,53 CHF -0,18%
Unicredit BORSA ITALIANA 1,82 EUR -5,01%

Dati di chiusura del 21 maggio 2009, fonte Bluerating.com;

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Blueindex: ottimo finale di settimana per Gam Holding

NEWSLETTER
Iscriviti
X