Immobiliare – Ripresa nel 2010 guidata dall'Europa

A
A
A
di Redazione 11 Settembre 2009 | 09:40
Nel consueto appuntamento organizzato da Scenari Immobiliari gli operatori avranno la possibilità di confrontarsi sui mercati in via di sviluppo e su come far evolvere il business. Su un aspetto sembrano tutti concordare: il peggio è alle spalle.

Ha preso il via quest’oggi il 17° Forum di Scenari Immobiliari, l’appuntamento consueto per gli operatori del real estate italiano. Anche quest’anno nella cornice di Santa Margherita Ligure i gestori di fondi e gli operatori immobiliari italiani e stranieri si confronteranno su diversi temi, tra i quali: lo scenario economico e l’evoluzione del credito, i mercati ad alto potenziale di sviluppo, l’innovazione di prodotto per una nuova domanda e l’agenda delle imprese per il nuovo anno.

Inoltre sempre nella stessa occasione Scenari Immobiliari presenterà il consueto rapporto European Outlook 2010, che tira le somme di quanto accaduto nei mercati immobiliari europei nel 2009 e formula previsioni sul futuro prossimo venturo del settore. Nel rapporto presentato quest’oggi da Mario Breglia emerge che il peggio è alle spalle. La ripresa è attesa per il 2010 e gli investitori istituzionali hanno eletto Monaco, Istanbul, Londra e Zurigo come le top della list in Europa.

In dettaglio i cinque paesi più importanti, ossia Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna, presentano un fatturato chei chiuderà in calo del 13,3% sul 2008, per un totale di 596 miliardi. A livello europeo la Francia indossa la maglia nera, in quanto chiuderà l’anno con -18,9% insieme con la Spagna che vede il suo fatturato ridursi del 17,2% rispetto al 2008.

Venendo all’Italia si evidenzia che il fatturato del mercato italiano si ferma a 109 miliardi di euro con una contrazione del 10,2% rispetto al 2008. A soffrire di più sono i comparti industriali (-17,8%) e turistico (-28%), ma anche il residenziale (-10,6%).

Gli operatori e analisti sono comunque ottimisti e segnalano che nel 2010 si tornerà al segno più, con una previsione della crescita dell’1,7%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti