Annunziata, il debito corporate è il vero rischio

A
A
A
di Redazione 11 Febbraio 2010 | 11:45
Secondo l’economista di Unicredit il vero rischio si trova non nei debiti sovrani ma in quelli societari. Bassi profitti e consumi al palo riducono la capacità di delevereging.

Non il debito sovrano, ma quello corporate, e in particolare delle società non finanziarie, è la vera bomba ad orologeria per i mercati. Lo ha scritto questa mattina  Marco Annunziata, economista di Unicredit, in un suo articolo apparso sul Financial Times.

Il ragionamento di Annunziata è semplice: la crisi ha ridotto i margini di profitto delle compagnie che, di conseguenza, hanno attinto alle riserve (passate da una crescita annua del 5,5% dal 2001 al 2005 a una contrazione dell’8,5% nel primo semestre 2009) e ridotto gli investimenti. Nel passato, sostiene Annunziata, uno scenario di questo tipo è sempre andato di pari passo con la contrazione del “financing gap”, l’indice che misura il ricorso al finanziamento esterno. Dal crollo di Lehman Brothers questo è invece andato allargandosi, come lo dimostra il boom di emissioni di corporate bond lo scorso anno. E a fronte del progressivo calo dei margini (unita alla stretta creditizia da parte delle banche) il rischio, per le aziende, è di non riuscire ad “aumentare le riserve e a ridurre l’indebitamento”.

Tale scenario deve poi essere declinato per ogni singolo Paese: le società tedesche, per esempio, hanno de-levereggiato i loro bilanci prima della crisi, e si trovano quindi in una situazione migliore di quelle, ad esempio, italiane. Estendendo poi l’analisi al mercato immobiliare, risulta al contrario che il debito dei proprietari di case – salito in Europa dal 49 al 63% in dieci anni – in Italia è relativamente basso (pari al 34%), rispetto per esempio ai Paesi bassi (107%) e alla Spagna (84%). Tuttavia, conclude l’articolo, l’outlook “aggregato” resta preoccupante: società da una parte e householders dall’altra si trovano in una “posizione finanziariamente debole”. E anche per questo la Banca Centrale Europa, quando si tratterà di dare un’accelerata all’exit strategy alzando i tassi di interesse, “dovrà avere un occhio attendo ai consumatori e alle aziende, che a causa dell’elevato livello di debito sono pericolosamente esposti ad un aumento dei costi di finanziamento”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X