L’Oracolo – I Roses erano dei dilettanti

A
A
A
di Giacomo Berdini 11 Febbraio 2010 | 16:00
Cari rocker nostalgici già imbufaliti, non sto parlando dei Guns and Roses…

ma del fatto che i matrimoni spesso possono finire male.
Ricordate quel film con Michael Douglas?
Ma si dai, la guerra dei Roses, dove una coppia di coniugi in crisi finisce con il far esplodere una vera e propria guerra personale, che alla fine conduce all’autodistruzione dei beni e dei due protagonisti stessi.
Beh, se non vi dice niente vuol dire che negli anni ’90 eravate troppo impegnati ad indossare jeans attillati e stare davanti allo specchio ad imparare le mosse danzerine di Mauro Repetto per far colpo sulle ragazze. Allora avete sprecato la vostra giovinezza: andate in una videoteca e affittatelo!

Questo perché quando si vedono film come quello pensi: “Beh si… è un film; esagerano, lo spettacolo, il cinema, Hollywood, americanate”, ecc ecc.
Ma è qui che siete caduti in fallo! Queste storie sono più vere che mai, e sono tutt’altro che americane, anzi è successo anche a Treviso.

Già in antichità Treviso era noto luogo celtico governato da una popolazione autoctona di donne guerriere con la barba e una predilezione per la distruzione delle abitazioni.
Ma speravamo che col passare del tempo questa tradizione fosse stata obliata nelle nebbie dei secoli.

Non è così.
Quanti di voi hanno sperimentato il divorzio potranno testimoniare che, nel momento in cui è stata pronunciata la fatidica frase “Voglio il divorzio”, ci sarà stata una sfuriata, un pianto, una rissa con mazza snodata, o al massimo un lancio di porcellane.
A quest’uomo è andata peggio.
Questo operaio di Treviso, in via di separazione dalla moglie 39enne, un giorno è tornato a casa e non ha trovato più la casa.
Non è che si è perso, la sua casa non c’era più…o almeno non tutta.
La futura ex-moglie, mentre lui era fuori, ha deciso di vendicarsi. E per farlo ha deciso di noleggiare una bella ruspa e di demolirgli pezzo per pezzo la casuccia.

Nemmeno la signora Roses è stata capace di una tale perfidia. Allora, amici miei, quando il vostro matrimonio è alla frutta…
Anzi no, ricomincio.
Se vi siete sposati una di Treviso avete già sbagliato tutto.
Ma nel caso in cui siate caduti nell’errore e vogliate rimediare, fuggite il più lontano possibile e non lasciatevi nulla alle spalle.
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, da Pictet AM un ELTIF sul settore immobiliare

Investimenti, Bankitalia: i prezzi delle case saliranno anche quest’anno

Investimenti: guerra e mercato immobiliare. Le previsioni di Nomisma

NEWSLETTER
Iscriviti
X