Fiat smentisce, nessun licenziamento

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Marzo 2010 | 16:10
La Fiat oppone una secca smentita alla indiscrezioni emerse sul piano 2010-14 in corso di preparazione: qualsiasi anticipazione giornalistica è priva di fondamento.

Giunge secca la smentita di Fiat alle indiscrezioni apparse su Repubblica.
Il quotidiano stamattina affermava che, nel piano strategico 2010-2014 che la Fiat presenterà il 21 aprile in Consiglio di Amministrazione, oltre alla riduzione dei modelli da 12 a 8 sarebbe previsto un taglio di circa 5mila dipendenti.

La Fiat, impegnata nella preparazione del Piano Strategico per il 2010-2014, ha smentito sottolineando che che qualsiasi anticipazione giornalistica è da ritenersi priva di fondamento: “Ogni notizia circa ipotizzate operazioni straordinarie e relativi modalità, tempi, perimetro e valori è frutto di congetture, nate al di fuori del Gruppo”, spiega una nota.
Eventuali decisioni che dovessero essere conseguenti alla realizzazione del Piano Strategico, aggiunge la ditta, saranno comunicate al mercato.

L’amministratore delegato Sergio Marchionne ribadisce la confutazione di queste indiscrezioni, indignandosi per l’attacco lanciatogli in un periodo come questo: “È  la crisi più profonda che abbiamo visto in Europa e noi non abbiamo licenziato nessuno. Cercare di picchiare la Fiat in un momento come questo è la cosa più sproporzionata che abbia mai visto, è quasi vergognoso”, ha affermato all’entrata all’Unione Industriale a Torino dove é riunito il direttivo di Confindustria.
“Si sta cercando di strumentalizzare il discorso sull’occupazione in Italia. Questo è il momento sbagliato per parlarne. Ci hanno accusato di tantissime cose, ma la realtà è che non abbiamo mai licenziato nessuno, abbiamo cercato di mantenere l’equilibrio sociale negli scorsi 24 mesi”, ha ribadito l’ad di Fiat, “Stiamo gestendo un momento difficile nei migliori dei modi, abbiamo protetto l’aspetto operativo al massimo con sacrifici enormi. Non voglio medaglie, ma quello che è stato fatto è stato fatto. Ricordatevi dove era la Fiat nel 2004”, conclude.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fiat lascia Piazza Affari, lunedì sbarca Fca

Milano piega la testa a fine giornata

Milano prudente, Fiat torna a correre

Milano continua ad arretrare in attesa di Draghi

Fiat ancora in rosso, Credit Suisse non è convinta

Milano non si cura dell’Asia, attende Draghi

Milano accelera il passo sul finale, bene Bper e Ubi Banca

Milano rimbalza in scia alle banche, cade Fiat

Piazza Affari parte bene ma chiude in deciso calo

Fiat si rimette in carreggiata, Buzzi Unicem in crisi

Milano in rialzo, bene i titoli della famiglia Agnelli

Milano sottotono: brilla Fiat, in crisi Yoox

Milano chiude stabile, brillano Fiat e Mps

Milano sottotono, Fiat allunga il passo

Milano prova a riprender quota

Per Fiat ora si parla di Peugeot

Fiat e Yoox non bastano a Milano

Gli investitori riscoprono il lusso, i trader seguono Fiat

Milano in modesto rialzo in attesa della Bce

Milano prosegue il rally di inizio luglio

Piazza Affari riparte, smaltiti i dividendi

Milano si riprende, Fiat no

Fiat e Yoox subito in luce a Milano

Il crollo di Fiat azzoppa Piazza Affari

Milano soffre con Fiat, Finmeccanica e Bper

Milano in rosso, perde quota anche Fiat

Fiat inizia a dare i numeri

Milano ci riprova, occhio a Fiat

Milano positiva, in luce Bpm e Fiat

Bpm sopra tutti, Milano brilla in Europa

Fiat e Telecom Italia trascinano al rialzo Milano

Milano riparte sfruttando le voci

Milano riparte nonostante lo stacco dividendi

NEWSLETTER
Iscriviti
X