La Grande Mela offre le stanze più costose: 237 euro a notte

A
A
A
di Eliana Pelucchi 10 Novembre 2010 | 12:00
Gli alberghi più cari al mondo

Sono gli hotel di New York i più cari al mondo, con un costo medio per camera di 237 euro a notte. Lo rivela la ricerca Business travel survey del 2010 pubblicata dal gruppo Uvet, polo leader nel turismo d’affari. Secondo i dati illustrati al convegno BizTravelForum, dietro la “Grande Mela”, con 27 euro in meno troviamo Parigi dove, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (giugno-settembre), si rileva un consistente aumento dei prezzi: da 176 a 210 euro (+19,3%). Una lievitazione delle tariffe ancora più forte c’è stata a Londra: al 30 settembre scorso il costo medio di un pernottamento è salito a 208 euro dai 158 dell’anno precedente. «Dalla fine del 2008 alla fine del 2009 – commenta Luca Patanè, presidente del gruppo Uvet – abbiamo rilevato un progressivo abbassamento dei costi degli hotel sia per la tendenza al taglio dei costi da parte delle aziende sia per una crescente competitività. Nel budget delle spese per le trasferte affrontate dalle aziende la voce hotellerie rappresenta, nell’ultimo trimestre di quest’anno, il 19,2% del totale contro il 69,8% del volo aereo e il 10,9% che include soprattutto biglietti ferroviari e noleggio auto».
La Business Travel Survey rileva però, come i prezzi degli hotel siano cresciuti ancora di più in termini percentuali a San Paolo del Brasile (+ 55,3% – da 122 a 188 Euro per notte) e al Cairo (+ 31,8% – da 132 a 174 Euro). La convenienza, invece, è di casa a Shanghai dove i prezzi sono in discesa del 16,5% a 111 euro, cinque euro in meno di Pechino. In Italia al top c’è Venezia, che supera Milano con prezzo rimasto fermo a 135 euro per notte. Terza Firenze, con 127 euro (+11,4%), stabile Roma a 120 euro. In calo Palermo a 81 euro, Torino a 99 euro.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trader o psicopatico? Il confine è sempre più labile

Un Natale di lusso

A un italiano il primo Apple della storia

NEWSLETTER
Iscriviti
X