Banche Venete, pressing del governo sulle Intesa e UniCredit

A
A
A
di Andrea Telara 8 Giugno 2017 | 09:50
Secondo il quotidiano Repubblica, i grandi istitti di credito nazionali sono disponibili a partecipare al salvataggio di Veneto Banca e Bpvi, grazie alle pressioni dell’esecutivo.

Secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica, il gruppo Intesa Sanpaolo avrebbe dato un via libera di massima per dare in contributo a salvare Veneto Banca e Popolare Vicenza. Il cambio di rotta (dopo il diniego dei giorni scorsi del n. 1 Carlo Messina) sarebbe frutto delle nuove pressioni del governo, che vuole che le grandi banche partecipino alla richiesta di 1,25 miliardi di euro di capitali privati, avanzata dall’Europa per dare poi il via libera a una più sostanziosa ricapitalizzazione pubblica. Sempre Repubblica sostiene che Padoan avrebbe chiesto a Intesa e Unicredit di fare la propria parte rilevando ciascuno un istituto veneto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Carige, un salvataggio che ricorda quelli varati da Renzi e Gentiloni

Pasta Zara chiede concordato, pesa crisi banche popolari venete

Bpvi-Veneto Banca: quanto valgono le partecipazioni girate alla bad bank?

NEWSLETTER
Iscriviti
X