Jp Morgan non soffre per gli hacker

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Ottobre 2014 | 18:10
L’attacco hacker ai server di Jp Morgan Chase ha interessato non 1 ma oltre 80 milioni di conti, ma non vi sono evidenze che siano state trafugate password o dati sensibili

JP MORGAN NON SOFFRE PER GLI HACKERJp Morgan Chase sale dell’1,8% a Wall Street, ma la banca ha poco di che stare allegra oggi. Lo scorso giugno il più massiccio attacco hacker mai registrato dai server dell’istituto ha portato all’accesso non autorizzato ai dati di 76 milioni di conti correnti di privati e a 7 milioni di conti correnti aziendali.

VISUALIZZATI I CONTATTI NON LE PASSWORD  – Una cifra molto superiore al milione di conti violati stimato in un primo momento dalla banca, che però prova a rassicurare la clientela spiegando che non c’è ancora alcuna prova che le anagrafiche dei conti e le relative password siano state compromesse anche se i nomi dei titolari e i loro dati sensibili sono rimasti esposti all’aggressione tanto che le informazioni di contatto di clienti che si sono collegati ai server del gruppo attraverso alcuni siti internet o utilizzando app per dispositivi mobili potrebbero essere state rubate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La storia della nonnina “in guerra” con JP Morgan

Jp Morgan, dipendenti in ufficio a NY entro il 21 settembre

Banche Usa: studio segnala aumento insoddisfazione della clientela

NEWSLETTER
Iscriviti
X