Citigroup: il rublo è destinato a rimanere sotto pressione

A
A
A
di Luca Spoldi 2 Settembre 2015 | 10:54
Il rublo torna a indebolirsi e per gli uomini di Citigroup è destinato a rimanere sotto pressione finchè il petrolio non risalirà. Cosa che pare improbabile a breve termine

RUBLO RESTERA’ DEBOLE PER CITIGROUP – Rublo nuovamente sotto pressione, dopo che gli analisti di Citigroup hanno previsto che la valuta russa rimarrà sotto pressione almeno sino a che le quotazioni di petrolio e gas naturale non torneranno a salire, cosa che a breve sembra improbabile. Proprio la debolezza del rublo e dei mercati emergenti in generale secondo gli esperti americani indurrà la banca centrale russa a mantenere invariati i tassi d’interesse il prossimo 11 settembre.

I TASSI TORNERANNO A SCENDERE – Il mercato al riguardo scommette comunque che la banca centrale russa ridurrà i tassi al 10% entro fine anno e al di sotto della soglia dell’8% nel corso del prossimo anno, per dare respiro a un’economia che le sanzioni occidentali e la debolezza delle quotazioni petrolifere hanno già ampiamente messo sotto pressione. Stamane il tasso sui bond russi a 5 anni oscilla sull’11,86%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X