Segreto bancario finito a Monte Carlo

A
A
A
di Andrea Giacobino 24 Giugno 2016 | 07:01
Il Parlamento europeo approva lo scambio automatico di informazioni fiscali dall’1 gennaio 2018.

Fine del segreto bancario anche a Monte Carlo: il Principato di Monaco si piega alla crociata anti-evasione. Il Parlamento europeo ha approvato ieri, a larga maggioranza (549 voti a favore, 16 contrari e 23 astensioni), un nuovo accordo che renderà più difficili per i cittadini Ue occultare il denaro attraverso conti bancari monegaschi eludendo il Fisco dei Paesi membri. L’intesa, siglata il 22 febbraio scorso per contrastare le frodi e l’evasione fiscale, prevede infatti che a partire dal 2018 i Paesi dell’Ue potranno beneficiare di uno scambio automatico di informazioni con il Principato sui conti correnti dei rispettivi residenti. Ma solo relativamente a informazioni raccolte dal 1° gennaio 2017.

E questo, con l’obiettivo di far fronte alle situazioni in cui un contribuente cerchi di occultare capitale costituito da redditi o attività oggetto di evasione fiscale. Le informazioni che dovranno essere condivise non riguardano, tuttavia, solamente i redditi come gli interessi o i dividendi percepiti sui capitali detenuti, ma anche i saldi di conto corrente e i proventi delle vendite di attività finanziarie. «Questo accordo assicura che Monaco applicherà misure equivalenti a quelle che sono in vigore all’interno dell’Ue da marzo 2014 (con la modifica della direttiva sulla cooperazione amministrativa, «DAC2)», hanno dichiarato i portavoce del Parlamento Ue a margine della votazione, sottolineando come l’intesa sia in linea con gli standard globali sullo scambio automatico di informazioni finanziarie a fini fiscali promossi dall’Ocse due anni fa.

Non solo. Nelle intenzioni dell’Ue, l’intesa dovrebbe andare anche a vantaggio di Monaco, che ha recentemente riformato il proprio sistema fiscale nazionale con l’introduzione di un’imposta sui redditi delle persone fisiche residenti. Nello specifico, tra un anno e mezzo le amministrazioni fiscali degli Stati membri e quella monegasca di Monaco saranno in grado di identificare correttamente e inequivocabilmente i contribuenti interessati, applicare e far osservare la propria normativa fiscale in situazioni transfrontaliere, valutare la probabilità di un’evasione fiscale, ed evitare ulteriori indagini superflue. La firma ufficiale dell’intesa è prevista entro la pausa estiva, non appena il Consiglio Ue avrà dato il suo via libera.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X