Iva, l’aumento selettivo resta un rebus

A
A
A
di Roberta Maddalena 19 Aprile 2019 | 10:21
Una delle alternative emerse dalla Legge di Bilancio, è l’aumento IVA selettivo e per “sterilizzala” si devono trovare più di 23 miliardi.

In un comunicato del 17 aprile la capogruppo al Senato di Forza Italia, Anna Maria Bernini, ha scritto che “Se l’Iva aumenterà per gli italiani è in arrivo una stangata da circa 1.200 euro annui e che l’aumento provocherà un calo dei consumi dello 0,7%. Se invece non aumenterà, il rapporto deficit-Pil balzerà al 3,4%.

Una delle alternative emerse dalla Legge di Bilancio, inoltre, è l’aumento IVA selettivo e per “sterilizzare”, come si dice in gergo, questi aumenti dell’Imposta sul valore aggiunto si devono trovare, tra tagli di spesa o aumenti di entrate, più di 23 miliardi di euro nel 2020 e quasi 29 miliardi nel 2021.

Ma se l’Iva dovesse aumentare, quanto peserebbe sulle tasche di chi vive in Italia? Al momento sembra ancora un rebus. In un comunicato stampa del 13 aprile, ad esempio, in cui vengono forniti una serie di esempi dei possibili rincari con l’aumento dell’Iva, il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha affermato che l’aumento dell’Iva “a parità di consumi darà vita ad una stangata che, solo per i costi diretti, il Codacons stima a regime in 1.200 euro annui a famiglia, senza considerare i costi indiretti legati agli aumenti per imprese, industria, energia e trasporti”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, arriva la proroga dei versamenti delle imposte sui redditi e Iva al 20 luglio

Fisco: l’Irpef dei dipendenti pubblici sostiene le entrate

Giappone, che cosa succederà dopo il rialzo dell’imposta sui consumi

NEWSLETTER
Iscriviti
X