Finanza, N26: “Le donne investono meglio”

A
A
A
Avatar di Redazione6 marzo 2020 | 11:49

Donne e denaro: un binomio che spesso porta con sé preconcetti, falsi miti e molti stereotipi secondo i quali le donne sono meno abili degli uomini nel gestire le finanze, pianificare le spese e investire i risparmi. Niente di più falso, come sottolineano anche alcune delle evidenze emerse da una ricerca condotta dalla mobile bank N26 su un pool di italiane tra i 16 e i 64 anni.

Negli anni Settanta solo una donna su tre lavorava, oggi abbiamo quasi raggiunto il 50%. Una percentuale che, seppur lontana da quella di altri Paesi, porta necessariamente con sé una maggior indipendenza economica per le donne lavoratrici, che in alcuni casi gestiscono le proprie finanze anche in maniera più consapevole ed efficace rispetto agli uomini.

Le donne, infatti, risultano essere più organizzate sul fronte del risparmio, con l’81% delle intervistate che afferma di aver pianificato i propri obiettivi finanziari annuali e l’84% di esse che è riuscita a raggiungerli grazie ad un efficace controllo delle spese (87%) e rivedendo il proprio stile di vita per andare eventualmente incontro a un budget minore del previsto (36%). E se il 16% delle intervistate ammette di aver avuto qualche problema nel coprire sempre tutte le spese giornaliere, il 13% (contro il 15% degli uomini) riconosce anche di aver forse speso troppo per alcuni “extra” come taxi, ristoranti, serate, viaggi e shopping. Evidenze che risultano essere in linea con le 5 principali categorie di acquisti delle clienti N26: shopping e spesa, viaggi, cibo e spese legate al lavoro.

E proprio parlando di acquisti si scopre che le donne preferiscono ancora recarsi in negozio nel 70% dei casi, contro una percentuale maschile al 60%. Arrivato poi il momento di pagare, il 66% opta per soluzioni digitali (carta, mobile, dispositivi wearable ecc.) e, quando lo shopping arriva direttamente a casa, solo il 14% preferisce pagare in contanti alla consegna. Tendenze confermate anche dal crescente numero di Italiane che si affidano a banche e forme di pagamento digitali, nel 2019 infatti la base clienti femminile di N26 è crescita del 142%.

Anche sul fronte degli investimenti sembra che le donne se la cavino meglio: il 97% di esse pensa di aver investito in modo smart nel corso dell’ultimo anno e solo il 3% dichiara di aver perso dei risparmi a causa di cattivi investimenti (contro, rispettivamente, il 92% e l’8% degli uomini).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banche, la politica ammazza l’utile

La politica toglie il fiato al bilancio delle banche. A sostenerlo sono gli analisti di Mediobanca S ...

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Lunga vita ai Pir. L’inserto del sabato del Sole24Ore ha analizzato le performance dei fondi P ...

Borsa, la Consob vieta le vendite allo scoperto

Dopo il grande tonfo, la Consob ha deciso di agire. Lo ha fatto attraverso una delibera che ha sospe ...