Portafoglio ottimizzato Aiaf, rendimento atteso al 3,08%

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Aprile 2016 | 14:30

Il primo trimestre appena concluso è stato tra i più volatili della storia recente. Le ultime settimane hanno registrato un rally nelle varie asset class rischiose, anche se da inizio anno gran parte degli indici resta in territorio negativo. Nelle prossime settimane torneranno a essere importanti il monitoraggio del prezzo del petrolio e l’andamento delle trimestrali. Nell’attuale contesto, caratterizzato da volatilità elevata, costanti rischi geopolitici e un quadro macro economico difficile da prevedere, la view da parte degli esperti che hanno partecipato al secondo Panel Strategist del 2016 realizzato da AIAF- l’Associazione Italiana degli Analisti e Consulenti Finanziari appare tuttavia complessivamente positiva. Il consenso in aprile ha premiato, in particolar modo, l’equity emergente, per la quale la view è passata da neutrale a leggermente positiva, e ha invece limato il giudizio di positività sull’azionariato giapponese, passato da positivo a leggermente positivo. Rimane ancora pienamente positivo il sentiment sull’azionario europeo.
A livello obbligazionario migliora il sentiment sui corporate europei, grazie anche alle recenti misure della BCE che ha esteso le misure di quantitative easing a questa tipologia di emissioni, e sui bond dei Paesi emergenti per i quali si è registrato un cambiamento favorevole sotto il profilo delle valutazioni, passate da neutrali a positive. Perdurano, invece, i giudizi negativi sui governativi americani e dell’Area Euro. A livello valutario, il giudizio degli strategist sul cambio Euro/YEN è migliorato, passando da neutrale a positivo per l’Euro a scapito della valuta giapponese.
Analizzando i dati inviati dagli strategist le stime sono risultate piuttosto eterogenee. Dal sondaggio, infatti, non emerge un parere unanime per nessuna delle asset class considerate e la maggiore dispersione è emersa nei confronti dell’equity emergente. Nel portafoglio ottimizzato nel secondo trimestre 2016 – il cui rendimento atteso si attesta al 3.08% rispetto al 2.19% del benchmark – gli esperti interpellati da AIAF privilegiano in particolare i corporate bond europei (15,6%), seguiti dai corporate bond USA (14,3%). Nonostante il contesto caratterizzato da rendimenti a zero o negativi, anche i bond governativi italiani (5,5%) e quelli dei mercati emergenti (8%) hanno mostrato una significativa sovraesposizione rispetto al benchmark. L’esposizione complessiva ai mercati obbligazionari è pari al 43,5% per il portafoglio ottimo, a fronte del 40% previsto dal benchmark.
Nell’ambito della componente azionaria, seppure in una situazione di sottopeso complessivo (37.5% rispetto al 40%), l’equity Euro conserva una certa sovraesposizione nonostante l’elevata volatilità del settore bancario, che in particolare in Italia, appare segnato da una fase di forte incertezza.
aiaf GAA aprile2016
Per quanto riguarda le performance del portafoglio ottimizzato, durante lo scorso trimestre hanno pesato in negativo la sottoesposizione all’azionario USA e dei mercati emergenti e la concomitante sovraesposizione all’equity Euro e Giappone. Il portafoglio modello grazie all’ottimizzazione è riuscito, tuttavia, a limitare le perdite in virtù della forte sovraesposizione ai corporale bond europei e statunitensi. É stato, inoltre, premiante il soprappeso sul petrolio e sui bond governativi italiani.
aiaf port ott aprile 2016

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Aiaf, un appuntamento per i 50 anni

Asset allocation, il portafoglio modello di Aiaf

Il portafoglio modello dell’AIAF punta su equity Usa ed emergente e sui bond italiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X