Mercati, petrolio alla fine di un “superciclo”

A
A
A
di Redazione 27 Luglio 2022 | 10:01

Nel mese di luglio, in due occasioni, il petrolio WTI (West Texas Intermediate) è sceso sotto i 100 dollari al barile per la prima volta da aprile, mentre crescono i timori di una profonda recessione, si rafforza il dollaro e aumenta il numero di casi di covid in Cina, il secondo consumatore mondiale di greggio.

Nel suo rapporto mensile di luglio, l’US Energy Information Administration ha sottolineato che il 2022 sarà il primo anno dal 1999 in cui la crescita del consumo di petrolio nei Paesi OCSE supererà quella dei Paesi non OCSE. In tutto il mondo, le banche centrali dovranno aumentare i tassi in modo aggressivo per combattere un’inflazione persistente, più ampia e molto elevata. Devono “raffreddare” la domanda finché le pressioni inflazionistiche non si attenuano. Di conseguenza, gli operatori del settore petrolifero hanno ridotto le loro posizioni nette lunghe da giugno.

Tuttavia, i fondamentali rimangono forti: carenza di offerta dell’OPEC+, basse scorte, capacità inutilizzata in diminuzione, margini di raffinazione elevati grazie alla domanda stagionale e all’interruzione delle esportazioni russe.

I futures a termine rimangono fortemente in regressione (il prezzo dei futures è inferiore al prezzo spot), il che è teoricamente rialzista per il prezzo spot stesso. Il 18 luglio, il prezzo spot del Brent è risalito a circa 106 dollari e i futures sul Brent a dicembre 2022 si sono assestati leggermente al di sotto dei 96 dollari al barile. Secondo Bloomberg, i prezzi del Brent grezzo sono saliti ai massimi dal 2008.

La domanda globale di petrolio continua a crescere. Gli analisti dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEE) e dell’Amministrazione dell’Informazione Energetica degli Stati Uniti prevedono che la domanda globale di petrolio aumenterà di almeno 2 milioni di barili al giorno (b/d) nel 2023, rispettivamente a 101,3 milioni di b/d e 101,6 milioni di b/d, riportandola al di sopra del livello del 2019. L’OPEC è più ottimista e prevede un aumento della domanda mondiale di petrolio di 2,7 milioni di b/d. La crescita della domanda globale di petrolio sarà guidata da una forte traiettoria di crescita nei Paesi non OCSE, in particolare in Asia, dove la crescita è trainata da una ripresa della domanda di cherosene. Ovviamente, il rallentamento dell’attività economica potrebbe portare a una revisione al ribasso in futuro. Tuttavia, storicamente, la domanda di petrolio si è contratta solo nelle peggiori recessioni globali.

Secondo J.P.Morgan, ad eccezione della recessione del 2020 guidata dal COVID, la domanda annuale di petrolio non si è mai contratta di oltre 3,0 milioni di b/d in un anno. In tutti gli anni in cui la domanda di petrolio è diminuita di anno in anno, il 60% delle volte il calo della domanda è stato limitato a meno di 1,0 milioni di b/d, mentre il 20% delle volte la domanda è scesa di 1,5-2,0 milioni di b/d.

Dal punto di vista dell’offerta, gli analisti prevedono una produzione limitata dai Paesi OPEC e maggiori forniture da parte dei produttori non OPEC, alimentate dagli Stati Uniti. I Paesi OPEC+ continuano a garantire aumenti di offerta inferiori alle quote di produzione mensili, nonostante i prezzi del petrolio si siano stabilizzati intorno ai 105 dollari dall’inizio dell’anno. I 10 produttori dell’accordo OPEC+ hanno prodotto 24,8 milioni di b/g, 1 milione di b/g in meno rispetto all’obiettivo dell’OPEC per giugno.

L’incapacità di aumentare la produzione è destinata a continuare, dato l’invecchiamento delle infrastrutture e anni di scarsi investimenti. Solo l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno una capacità di riserva sufficiente per aumentare ancora la produzione. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, la loro riserva combinata potrebbe scendere a soli 2,2 milioni di barile al giorno (b/d) in agosto con la completa eliminazione dei tagli record dell’OPEC+. L’Arabia Saudita produce attualmente circa 11 milioni di b/d e ha dichiarato una capacità massima sostenibile di 12 milioni di b/d. Ha raggiunto 11,5 milioni di b/d una sola volta nell’aprile 2020. Inoltre, nonostante i colloqui, gli Stati Uniti e l’Iran non sono riusciti a ripristinare l’accordo sul nucleare iraniano.

Negli Stati Uniti, la produzione rimane di circa 1 milione di b/d al di sotto dei massimi pre-pandemici. La pressione degli investitori per mantenere stabile il capitale è la ragione principale per cui i produttori di petrolio quotati in borsa stanno limitando la crescita nonostante gli alti prezzi della materia prima.  Le cinque maggiori compagnie petrolifere mondiali prevedono di investire 81,7 miliardi di dollari quest’anno, la metà di quanto speso nel 2013. Anche l’inflazione, i problemi della catena di approvvigionamento, la carenza di manodopera e la minore attività degli operatori hanno limitato la crescita della produzione.

Dopo gli 11,6 milioni di b/g del primo semestre del 2022, l‘Energy Information Administration statunitense prevede che la produzione di greggio degli Stati Uniti salirà a una media di 12,2 milioni di b/d nel semestre in corso e a 12,8 milioni di b/d nel 2023, superando così il precedente record annuale stabilito nel 2019. L’aumento della produzione di gas naturale dal bacino Permiano in Texas , il più grande bacino di produzione petrolifera degli Stati Uniti, rappresenta un rischio negativo per la produzione di greggio nei prossimi mesi.

Le scorte mondiali di petrolio rimangono estremamente basse: quelle dell’industria OCSE hanno recuperato un po’ grazie ai consistenti rilasci di scorte governative (che dovrebbero terminare a ottobre), ma rimangono inferiori di quasi 300 milioni di barili rispetto alla media quinquennale. Inoltre, il restringimento dell’offerta sarà una sfida in quanto l’embargo dell’Unione Europea sul petrolio russo entrerà pienamente in vigore alla fine dell’anno. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, a giugno le esportazioni di petrolio russo sono scese di 250.000 b/d a 7,4 milioni di b/d: il minimo dall’agosto 2021.

Nel complesso, è probabile che la volatilità dei prezzi del greggio continui fino a quando la pressione inflazionistica non si allenterà, anche se la dinamica rimane favorevole ai prezzi del petrolio, grazie alle curve dei futures in “recessione”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti