Le obbligazioni SG in dollari sbarcano anche sul mercato EuroTLX

A
A
A
di Finanza Operativa 11 Aprile 2016 | 13:00

Settimana scorsa, esattamente il 7 aprile, sono state quotate anche sull’EuroTLX le sei obbligazioni in dollari di Societe Generale, già disponibili all’EuroMOT. Si tratta di bond che offrono la possibilità di prendere posizione sull’andamento dei tassi statunitensi alla luce di tutti i possibili scenari futuri e, grazie a flussi cedolari differenti, sono adatti a investitori che hanno diverse opinioni sulle future decisioni della Fed.

Le obbligazioni, che si avvalgono del rating elevato di Société Générale S&P A, Moody’s A2 e Fitch A, sono prevalentemente a tasso misto; ad esse si aggiungono un’emissione a tasso fisso e un’altra, la più recente, a tasso variabile. Quest’ultima, grazie a un floor del 2%, è più adatta per chi ritiene che i tassi di interesse statunitensi rimarranno bassi e non superiori al 4% per diversi anni, mentre le obbligazioni a tasso misto, con il pagamento di una cedola fissa elevata i primi due/tre anni e successivamente di una cedola variabile, si prestano maggiormente per quanti, invece, si aspettano tassi di interesse più elevati dopo due/tre anni.

“Negli ultimi mesi, abbiamo messo a punto un’ampia gamma di obbligazioni in dollari che puntano su uno dei più importanti temi d’investimento del momento ha affermato Vincenzo Saccente, Co-Head Cross Asset and Public Distribution di Sg in Italia –  In un contesto dove il comportamento della Fed e il rialzo dei tassi d’interesse USA continueranno a essere al centro dell’attenzione di molti operatori, la quotazione dell’intera gamma su un secondo listino permette di ampliare l’accesso a questa tipologia di strumenti”.

Nel dettaglio, la gamma delle obbligazioni SG in USD:

  1. Isin XS1265960739, scadenza marzo 2026, callable (valore al 31.03 pari a 101,08%), a tasso variabile:
  • Libor USD a 3 mesi (floor 2% e cap 4%)
  1. Isin XS1265944964, scadenza marzo 2026 (valore al 31.03 pari a 103,16%), a tasso misto:
  • 5,25% fisso per i primi due anni
  • successivamente Libor USD a 3 mesi (floor 0% e cap 5,25%)
  1. Isin XS1236580517, scadenza gennaio 2028 (valore al 31.03 pari a 101,14%), a tasso misto
  • 5% fisso per i primi tre anni
  • successivamente Libor USD a 3 mesi + 0,25% (floor 0% e cap 5%)
  1. Isin XS1265876430, scadenza ottobre 2023 (valore al 31.03 pari a 99,68%), a tasso misto:
  • 5% fisso per i primi due anni
  • successivamente tasso Libor USD a 3 mesi (floor 1,25% e cap 5%)
  1. Isin XS1212331265, scadenza giugno 2025 (valore al 31.03 pari a 99,94%), a tasso misto:
  • 4,5% fisso per i primi due anni
  • successivamente: Libor USD a 3 mesi (con floor 2% e cap del 4,5%)
  1. Isin XS1212158965, scadenza agosto 2025 (valore al 31.03 pari a 98,05%), a tasso fisso:
  • 3% ogni anno

La valuta di emissione e di regolamento dell’obbligazione in quotazione è il dollaro USA. Il flusso cedolare e il rimborso a scadenza del Valore Nominale sono quindi espressi e pagati in USD, così come l’acquisto e la vendita sull’EuroTLX. A scadenza, l’obbligazione rimborserà il 100% del Valore Nominale in Dollaro USA.

Il rendimento effettivo dell’investimento non può essere pre-determinato e dipende, tra l’altro, dal tasso Libor USD 3 mesi e dall’effettivo prezzo di acquisto delle obbligazioni nonché, in caso di disinvestimento prima della data di scadenza, dal relativo prezzo di vendita.

Nel caso in cui l’investitore volesse convertire i flussi in una valuta diversa dal dollaro (ad esempio l’Euro), il rendimento effettivo delle obbligazioni dipenderà dal tasso di cambio tra questa valuta e il Dollaro USA. Le cedole sono al lordo dell’effetto fiscale: l’aliquota d’imposta attualmente in vigore per queste obbligazioni è pari al 26%. Altre informazioni relative alle obbligazioni SG in dollari si possono trovare cliccando qui.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, da Intesa SanPaolo due nuove obbligazioni in dollari Usa e austrialiani

Ora il Tesoro punta anche sui bond dollari. I nuovi governativi e corporate sotto la lente

Da Intesa SanPaolo due nuove obbligazioni denominate in dollari

NEWSLETTER
Iscriviti
X