Fondi hedge – Gli indici Tremont tirano la frenata, pesano i Fixed Income

A
A
A
di Marco Mairate 18 Novembre 2008 | 10:14
La media dei fondi hedge inclusi nel database di Credit Suisse/Tremont segna un calo del 6,3% in ottobre. A dirlo è la stessa società per bocca del Presidente, Oliver Schupp: “Il deleveraging dei fondi hedge prosegue anche in ottobre, acuito dalla volatilità che ha creato un clima difficile per l’operatività dei gestori”. Tra i fondi italiani, ottobre nero per Bim Global Equity (-8,20%) e Market Neutral Classe A (-7,80%).

Ad abbattere i risultati di ottobre i gestori fixed income ed emerging markets che con performance negative rispettivamente del 14,04% e del 13,63% conquistano la palma dei peggiori indici dello scorso mese.

Ancora una volta emergono due strategie vincenti nel contesto di volatilità che domina i mercati: i gestori con una bias corta sul portafoglio (Dedicated Short Bias) che segnano un progresso del 9,66% e portano la performance YTD a +13,38%. Seguono i managed futures, gestori che sfruttano tutte le asset class del mercato per mitigare le perdite e aumentare i profitti: questi gestori chiudono il mese di ottobre a +4,96% portando la performance da inizio anno a +12 percento.

Niente di nuovo sotto l’ombrellone quindi: i dati di Credit Suisse sono solo gli ultimi di una lunga serie di indici hedge scesi in ottobre, andando a confermare il pessimo andamento ddi un mese nel quale gli indici delle principali piazze finanziarie hanno perso il 10% del loro valore (vedi indice S&P500).

Del resto anche lo stesso George Soros, numero di Soros Fund Management, ha spiegato che i fondi hedge sono parte della bolla finanziaria scoppiata lo scorso maggio e quindi soffrono (insieme agli altri operatori) del processo di deleveragin e della volatilità del mercato. A rincarare la dose uno studio pubblicato ieri da Citigroup, secondo cui entro la metà del 2009 le masse dei fondi hedge potrebbero arrivare a 1 trilione di dollari contro 1,7 trilioni delle ultime rilevazioni.

IL MERCATO ITALIANO
DEGLI HEDGE FUND

In Italia il mercato dei fondi alternativi prosegue nel suo trend decrescente. Lo scorso mese i riscatti hanno toccato 637,46 milioni di euro (fondi di fondi) mentre 8,40 milioni sono usciti dai single manager.

Alla fine del mese scorso, le masse amministrate dalla 39 SGR speculative registrate in Italia, ammontano a 26.300,58 milioni di euro.

Tra gli oltre 279 fondi  autorizzati (fondi di fondi e fondi puri) si salvano in tre alla fine di settembre: [s]Helm Finance[/s] Opportunities Classe B (+5,13%); Helm Finance Opportunities Classe A (+4,96%). Entrambi i fondi sono single manager gestiti da Helm Finance SGR (25 milioni di euro di masse gestite). In terza posizione Ras Alternative Multistrategy, che in 10 mesi segna un progresso del 2,15%. Ras Alternative Investments SGR gestisce 72,72 milioni di euro, pari alo 0,28% delle masse gestite dall’industria hedge in Italia.

Qui sotto riportiamo i risultati dei fondi hedge  italianiche hanno già pubblicato la performance di ottobre (Fonte: Bluerating.com)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X