Ubi Pramerica Sgr taglia il traguardo dei 15 anni con oltre 46 miliardi di euro in gestione e 900.000 clienti

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Settembre 2016 | 17:00

“In questi anni l’industria del risparmio gestito ha dimostrato di essere cruciale per i risparmiatori, investitori professionali e quindi per i gruppi bancari italiani. E in un mercato che esprime tassi nulli o negativi e difficilmente in ripresa nei prossimi anni, l’asset management, fondato su solide basi industriali, assicura prodotti finanziari diversificati e gestiti in maniera professionale, attraverso i quali perseguire rendimenti impossibili da ottenere con gli strumenti a reddito fisso”.  Ad affermarlo è stato Victor Massiah, Consigliere Delegato di UBI Banca (che segna al momento un rialzo a Piazza Affari di oltre il 4%), durante la conferenza stampa per i 15 anni di UBI Pramerica SGR, nata nel 2001 come joint venture tra UBI Banca (65%) e Pramerica Financial (35%), nono gestore di patrimoni al mondo. Si tratta, fa notare il management della Sgr, della più longeva partnership industriale tra una grande banca italiana e un player internazionale del risparmio gestito.

I numeri della crescita
La crescita di UBI Pramerica SGR rende evidente il valore aggiunto di un modello industriale che coniuga la conoscenza del territorio e dei bisogni specifici della clientela italiana, con un approccio alla gestione degli investimenti finanziari basato sulla stretta integrazione di competenze tra team di specialisti direttamente attivi in Italia e nei principali mercati finanziari del mondo.
Grazie alla partnership con Pramerica Financial, la gestione degli investimenti finanziari si avvale infatti di oltre 50 gestori basati a Milano, specializzati sui mercati europei, e dell’expertise di oltre 1.100 professionisti che operano a New York, Londra e Singapore. Complessivamente, i team gestiscono per UBI Pramerica SGR oltre 40 fondi comuni di investimento, più di 30 comparti di sicav e un’ampia gamma di linee di gestioni patrimoniali altamente personalizzabili. Negli ultimi 10 anni UBI Pramerica SGR ha ricevuto oltre 70 tra premi e altri prestigiosi riconoscimenti.

“UBI Pramerica – ha dichiarato poi Massiah – prima partnership industriale di UBI Banca con un importante player internazionale, è nata con l’obiettivo di dotare la banca di una struttura di eccellenza al servizio delle esigenze di investimento dei propri clienti il vantaggio competitivo della SGR, completamente dimostrato in questi anni, è stata la sinergia tra la dimensione globale, dovuta al know how finanziario internazionale dei professionisti di Pramerica Financial, e quella locale data dalla conoscenza della clientela italiana e dalla presenza territoriale qualificate del Gruppo UBI”.

Colosso mondiale dell’asset management con oltre 1.000 miliardi di dollari in gestione, Pramerica Financial vanta 140 anni di storia e una presenza in oltre 40 Paesi. “Siamo entrati in questa joint venture con la mission di creare valore attraverso una vera e propria partnership industriale, connotata dal comune impegno a conseguire l’eccellenza per i nostri clienti – ha dichiarato Stephen Pelletier, Executive Vice Presidente and COO, US Businesses di Pramerica Financial – per noi, UBI Pramerica non rappresenta una semplice partecipazione di capitale. Si tratta di una vera e propria joint venture, che prevede una forte collaborazione tra i nostri team di investimento in tutto il mondo con il valore aggiunto di poter contare su competenze locali in Italia e in Europa”.

Andrea Ghidoni, ad e direttore generale di UBI Pramerica, ripercorre la tappe del successo: “A fronte di 6,4 miliardi di euro in gestione nel 2002, UBI Pramerica oggi occupa posizioni di vertice tra i player del risparmio gestito in Italia con oltre 46 miliardi di euro in gestione (di cui circa 16 miliardi di euro riconducibili a investitori istituzionali), 900.000 clienti, oltre 20 accordi con banche e reti per la distribuzione della propria gamma di soluzioni di investimento. Gli investimenti sul capitale umano, uniti a un’oculata gestione dei costi (il cost income è sceso dall’85% del 2002 al 29% del giugno 2016), ci hanno consentito una crescita graduale ma costante nel tempo. Tanto che le commissioni sono passate da 43,4 mln di euro di 15 anni fa agli attuali 241,2 mln”.

I trend secolari, secondo Ghidoni, stanno ridisegnando l’indistria dell’asset management a livello globale e specialemente nel nostro paese. Anzitutto, nell’industria del risparmio gestito in Italia assistiemo a una crescente concentrazione: la quota di mercato dei primi cinque asset manager pesa per il 61% ed è destinata probabilemente a crescere ulterioremnete. Per fare un confronto, a livello mondiale, il peso della quota dei primi 20 asset manager arriva solo al 46 per cento. Inoltre, sempre a detta di Ghidoni, le strategie non domestiche stanno guadagnando flussi significativi, tanto che il differenziale Italia/estero si sta riducendo con i clienti in progressivo spostamento verso prodotti più globali. Infine, Ghidoni fa notare come le soluzioni di investimento outcome oriented raccoglieranno oltre il 35% dei flussi cumulati netti nel periodo 2015-2018.

L’approccio globale e locale integrato di UBI Pramerica SGR e la solidità finanziaria dei suoi due azionisti rappresentano una forte base per un percorso futuro di ulteriore consolidamento e crescita, in un contesto internazionale sempre più globalizzato, che privilegerà i gestori in grado di fornire soluzioni su misura per le specifiche fasi dei mercati con la massima tempestività.

“La capacità di connettere la gestione professionale degli investimenti con l’innovazione di prodotto e l’efficacia dei canali distributivi continuerà ad essere, il driver di successo della nostra società. Più che mai l’energia del futuro dovrà passare attraverso un cavo tripolare a beneficio dei clienti.” conclude Ghidoni.

Per condividere con la città di Milano un traguardo importante UBI Pramerica SGR, per la ricorrenza dei suoi primi 15 anni di attività contribuirà con una donazione al restauro del monumento dedicato a Pier Candido Decembrio, del XV secolo, collocato nel quadriportico della Basilica di Sant’Ambrogio. Pier Candido Decembrio è stato un letterato e storico italiano dell’età umanistica, per circa trent’anni al servizio della corte viscontea. Tra le sue opere, la nota biografia di Filippo Maria Visconti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Aum al top per l’Ubs Sustainable Development Bank Bonds

Etf, volumi boom per Borsa Italiana nel primo trimestre

Bitcoin, nuovo record di AuM per 21Shares: “Gli investitori non possono perdere questo treno”

NEWSLETTER
Iscriviti
X