Borse, male i bancari sull'onda di Madoff

A
A
A
di Redazione 15 Dicembre 2008 | 14:00
Mattinata un po’ contrastata ma sostanzialmente positiva per le borse europee che però non riescono a mantenere gli elevati livelli di apertura che erano stati spinti dal rally USA e dal balzo di Tokyo stamane.

A trascinare verso l’alto i listini del vecchio continente sono soprattutto i titoli petroliferi sospinti dalla crescita del prezzo petrolio che ritorna a 49 dollari al barile. Bene anche i minerari a causa della ripresa del prezzo dei metalli. Male invece i bancari che risentono del crollo del fallimento dei fondi di Bernard Madoff.

Tendenzialmente invariato il future sullo S&P 500.

In ripresa il mercato obbligazionario tedesco con il bund future che recupera parte di quanto perso venerdì mentre i Paesi periferici, come l’Italia, continuano a subire spread elevati.

La forza delle materie tende ad indebolire il dollaro USA che contro Euro realizza nuovi minimi di breve termine in area 1,3550. Da segnalare inoltre il movimento della sterlina inglese che stamani per la prima volta dall’avvento della moneta unica è stata scambiata a 0,90.

Oggi è stata divulgato l’indice Empire manifatturiero, migliore delle attese, ed alle 15:15 è atteso il dato sulla produzione industriale negli USA.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Erano complici di Madoff: condannati cinque ex dipendenti del finanziere americano

Il trustee di Madoff contro UBS

Gossip, Madoff, ora tocca ai figli e al fratello

NEWSLETTER
Iscriviti
X