Equita PEP Holding, una nuova realtà nel private equity italiano

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 3 Aprile 2017 | 08:21

Fabio SattinUna joint venture paritetica al 50%. E’ quella formata da Equita Sim e dalla Private Equity Partners di Fabio Sattin (nella foto) e Giovanni Campolo . La nuova realtà si chiama Equita PEP Holding e ha come obbiettivo, secondo quanto si legge nel comunicato che ne annuncia la nascita, quello di “ideare e lanciare strumenti di investimento in capitale privato (Private Capital), innovativi ed aderenti alle mutevoli esigenze dei mercati, utilizzando tecniche di investimento e di raccolta adattate di volta in volta alle specifiche esigenze delle imprese e degli investitori e, comunque, sempre caratterizzati da una solida logica industriale e di medio-lungo termine”. Equita e PEP rimarranno autonome e continueranno ad operare nei rispettivi ambiti di attività , ma si sono reciprocamente impegnate a fare confluire nella nuova iniziativa le operazioni di private capital di dimensione rilevante che, per le loro caratteristiche specifiche, possano trarre il massimo beneficio dalle competenze integrate messe a disposizione in questa aggregazione. “Con questa joint venture con un operatore indipendente e di successo come Equita” , ha commentato Fabio Sattin, presidente di PEP , “intendiamo dare una risposta integrata, innovativa e altamente professionale alle esigenze degli investitori e delle aziende, rendendo efficienti e coordinate tutte le fasi del processo di investimento nel capitale al servizio delle imprese (private capital) in una logica industriale e di supporto allo sviluppo delle aziende, generando valore per tutti i partecipanti”. “Guardiamo con entusiasmo”, ha detto Francesco Perilli, amministratore delegato di Equita, “alla nuova iniziativa con PEP di Fabio Sattin e Giovanni Campolo, che ci consente di completare le aree di attività a cui indirizzare una lunga esperienza operativa e rafforza il posizionamento di Equita quale crocevia tra il mondo degli investitori istituzionali e le società emittenti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X