Consulenza e private banking, la svolta di Banca Carige (e Cesare Ponti)

A
A
A
di Andrea Telara 16 Ottobre 2020 | 09:32
Riorganizzazione della rete con filiali più automatizzate e personale più specializzato nella financial advisory e nel risparmio gestito. Banca Cesare Ponti diventa polo del wealth management e fabbrica prodotto.

La svolta ci sarà a partire da gennaio 2021. Dal prossimo anno è prevista la riorganizzazione della rete di Banca Carige, per rilanciare l’istituto ligure dopo anni di travagli. “Nella riconfigurazione complessiva del modello distributivo”, si legge in un comunicato diramato il 15 ottobre, “Banca Cesare Ponti rafforzerà le sinergie con la rete private di Banca Carige e si identificherà anche come advisor finanziario e fabbrica prodotti Wealth, rappresentando un motore per la qualità dei servizi e una nuova fonte di generazione di valore per il Gruppo”.

Il private banking, la consulenza finanziaria e il risparmio gestito saranno dunque l’asse portante della nuova Carige, almeno nelle intenzioni degli amministratori. Nel comunicato ufficiale diffuso dalla banca, ci saranno novità sia per il segmento private dei clienti di fascia alta, sia per la clientela Imprese che per il retail, cioè i piccoli risparmiatori privati. Nello specifico, per il segmento Private la controllata Banca Cesare Ponti manterrà le attuali filiali (a Milano e Genova) , ma “vedrà l’evoluzione del proprio ruolo quale centro specialistico e fabbrica di prodotti di wealth management e di servizi di advisory finanziaria, per tutto il gruppo con prospettive di distribuzione anche verso reti terze” .

“Nel segmento classificato come Retail”, continua il comunicato, “dalle attuali 13 Aree Commerciali si passerà a 25 Aree, per consentire il miglior presidio di un numero inferiore di “Filiali Retail” ricomprese in ciascuna Area. A supporto dei direttori di area, nelle filiali opereranno anche le nuove figure di: Specialisti del Risparmio Gestito, Specialisti Assicurativi (Retail), Specialisti servizi non finanziari e Specialisti Assicurativi (per le imprese)”.

Ci sarà un potenziamento dei servizi digitali, con la possibilità per i consulenti della banca di comunicare anche tramire video con la clientela. “L’offerta a distanza sarà innanzitutto realizzata tramite Filiale Remota, costituita da nuclei di gestori che interagiscono con il cliente tramite contact center; l’interazione video abiliterà quindi il servizio da parte di Gestori remoti e di Consulenti specialistici; la Filiale Smart”, secondo le intenzioni del management di Carige, “consentirà al cliente di provare una nuova esperienza di servizio in un ambiente rinnovato e altamente automatizzato che consentirà la piena operatività con il supporto da remoto di personale dedicato o in modalità self”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carige, il destino nei piccoli azionisti

Fitd riunisce oggi il board, esaminerà dossier Carige

Carige come la bella di Torriglia: spunta uno spasimante californiano

NEWSLETTER
Iscriviti
X