Consulenti Finanziari – Quando il Pac si tramuta in pacco

A
A
A

Massimiliano Siviero, professionista fee only di Torino, apprafondisce l’analisi di uno strumento di investimento molto utilizzato: il Pac. Ecco come evitare brutte sorprese..

di Matteo Chiamenti31 agosto 2009 | 09:00

Alcuni risparmiatori chiedono se sia il momento giusto o meno di fare un PAC (Piano di accumulo del capitale, da distinguere dal PIC – piano di investimento del capitale) e con quale frequenza e scadenza, spesso “sollecitati” dai loro tradizionali “interlocutori di fiducia riguardanti gli investimenti finanziari”. Ma occorre prestare molta attenzione a questi “programmi di investimento” in quanto nella stragrande maggioranza dei casi si nascondono costi che vanno ad aggiungersi alle non poco probabili inefficienze del fondo comune di investimento su cui si realizza il PAC.
Se da un lato il PAC consente di entrare sul mercato determinando nel tempo un prezzo medio di carico che permette di “addolcire” il peso delle variazioni sfavorevoli, dall’altro le commissioni annue su tale investimento possono anche arrivare al 10%! Quindi, fare o non fare il PAC? Innanzitutto, se un PAC viene fatto con le banche tradizionali si consiglia di contrattare quanto possibile le commissioni per singolo versamento (commissioni più spese fisse).

Diversamente, se fatto con banche on line, spesso risulta difficile poter contrattare le commissioni, dipende certamente dal “potere contrattuale” del cliente. Pertanto, occorre fare una valutazione: le commissioni che vado a pagare per singolo versamento mensile, ad esempio, mi vanno a compensare i benefici in termini di costo medio di carico che ottengo? Questa valutazione risulta però di difficile verifica a priori, occorrerebbero delle simulazioni.
Quindi, per ridurre il peso delle commissioni annue (determinate dalla commissione pagata per singolo versamento) si potrebbe effettuare un versamento ad esempio trimestrale o semestrale, di importo pari alla somma dei versamenti mensili che si sarebbero effettuati. In questo modo si smusserebbero un po’ i costi e l’investimento risulterebbe più efficiente.

Inoltre, è risaputo che con i PAC, essendo automatici, non è possibile indicare un prezzo limite, condizione molto importante soprattutto per l’inserimento di ordini di acquisto di quote di un ETF. Attualmente, i differenziali di prezzo bid-ask degli ETF possono risultare in taluni momenti relativamente ampi e pertanto un monitoraggio dei prezzi al fine di spuntare quello a migliori condizioni è fondamentale.
Eventualmente, valutare l’alternativa del PAC “fai da te”: acquistare quote di fondi al verificarsi di determinate condizioni di mercato (ad esempio in sede di correzione), inserendo altresì un prezzo limite nel caso di acquisto di quote di ETF.
Quindi, prima di sottoscrivere un PAC è molto importante valutare le commissioni e le spese fisse che vengono trattenute dall’intermediario per singola rata, effettuare eventuali contrattazioni di queste e chiedersi: il “costo” è giusto?

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, come conquistare i clienti Millennial

Cf certificati, occasione da non perdere

Consulenti, ecco tutte le prestazioni di Enasarco

Consulenti, la “segnalazione” della banca conta più delle competenze

Consulenti, come migliorare il proprio brand su internet

Consulenti, conto alla rovescia per il nuovo regolamento Consob

Consulenti, negli Usa le fee spingono i compensi

Il prossimo domani dei consulenti finanziari

Mifid 2, ecco il testo del decreto: salvo il 30-bis

Consulenti, boom negli Usa

La Mifid 2 diventa legge

Consulenti, che guadagni in America con le stock option

Diritto camerale annuale, Anasf mette in guardia dal bollettino farlocco

Mifid 2, passi avanti in Senato

Consob alla Camera: riscrivere il Tuf. Il video dell’audizione su Mifid 2

Consulenti, tutti gli eventi certificati Efpa e Cfa di ITForum 2017

Autonomi, la rabbia del sindacato: l’Albo dei consulenti è ancora al palo

Consulenza finanziaria, le nuove tappe del roadshow targato Consultique

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Consulenti finanziari: più richiesti, anche dai giovani

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Enasarco, tutti i numeri dei consulenti iscritti

Consulenti, Schroders girerà l’Italia con il Campionato 2017

ITForum Milano 2016, successo per un’edizione ricca di novità

Azimut in tour, quattro tappe tra Nord e Sud

Fineco, Foti spiega le tre regole per investire sereni

Assoreti punta sulla formazione e assegna le borse di studio

ITForum di Milano, due giorni di grandi appuntamenti

Il miglior consulente indipendente d’Italia è digitale

Scm Sim, al via il roadshow ’’Beyond wealth management, life coaching’’

Robo-advisor: per 3 consulenti su 4 sono ok per migliorare l’efficienza

Metà degli italiani dice già sì ai robo-advisor, purché con l’appoggio di un consulente

BlackRock, nuovo roadshow nazionale per incontrare i consulenti finanziari

Ti può anche interessare

Banca Generali, dividendi per gli azionisti e incentivi per i cf

Si è svolta a Trieste l’assemblea delal società guidata da Gian Maria Mossa. Cedola di 1,07 euro ...

Credit Suisse lancia un bond a dieci anni in sterline inglesi

Le nuove Obbligazioni Credit Suisse Tasso Misto in Sterline Inglesi Marzo 2027 hanno una durata di d ...

Consob segnala una sfilza di società abusive

L’authority di vigilanza mette in guardia i risparmiatori. ...