Le 10 regole per scegliere il consulente giusto per te

A
A
A

Oltre alla trasparenza anche l’attenzione per il cliente. Ecco il decalogo per valutare al meglio le qualità del professionista.

di Redazione30 giugno 2014 | 13:20

IL DECALOGO – Di fronte alle grandi trasformazioni che stanno avvenendo sui mercati finanziari internazionali, gli investitori rischiano di perdere la bussola, con serie conseguenze peri propri risparmi. Non solo: è sempre più difficile districarsi tra “dritte” e raccomandazioni di investimento che arrivano da bancari, dipendenti postali, private banker, family officer e promotori finanziari. Una selva di professionisti che non sempre offrono servizi di qualità. Come fare quindi a riconoscere “quello giusto”? Il settimanale inserto del Sole 24 Ore, Plus24 ha definito dieci semplici regole per distinguere tra sana e mala-consulenza.

1- La chiarezza
Patti chiari, amicizia lunga. Per un rapporto solido e duraturo – anche lavorativo – il primo presupposto è la chiarezza da entrambe le parti.

2- Affidabilità
È necessario fare un riepilogo del faccia a faccia avuto con il consulente per capire se la persona è affidabile oppure no. Mi ha fatto tutte le domande? Ha prestato attenzione alle mie esigenze? State lontani da chi è interessato solo dell’entità del vostro patrimonio.

3- Esigenze del cliente
Il bravo consulente è colui che nel primo o nel secondo incontro non si preoccupa tanto del patrimonio del cliente, ma cerca di capire che investitore ha di fronte, cioè le reali esigenze del cliente.

4. Fretta cattiva consigliera
Attenti a chi non vi propone più alternative d’investimento. Se l’esperto cerca di spingervi all’acquisto di un determinato prodotto, in genere vi drà: “Bisogna decidere in breve tempo. L’offerta è limitata”.

5. Informazione è necessaria
Chi investe deve acquisire una conoscenza quanto più possibile estesa del consulente e dei prodotti. Un buon consulente quindi deve fornire tutti gli elementi spontaneamente.

6. Togliersi ogni dubbio

Il consulente, insomma, deve parlare chiaro. Se non capite le spiegazioni dovete solo porre domande. Senza aver paura di sembrare ignoranti. Diffidate da chi non sa (o non vuole) spiegare come funziona l’investimento e i suoi costi.

7. Proposte improbabili
Diffidate di proposte di investimento che assicurano un rendimento molto alto e non in linea con quelli del mercato. Tendenzialmente a rendimenti alti corrispondono rischi molto elevati.

8. Cautela
Alla larga da chi propone frequenti compravendite di titoli. Movimentare il portafoglio equivale a fare esplodere le commissioni che l’intermediario incassa.

9. Oneri di consulenza e di gestione
La consulenza finanziaria ha profili di costo correlati al rischio degli investimenti e al patrimonio: oneri elevati non si giustificano per un profilo di rischio prudente. Inoltre, tra oneri di consulenza e commissioni di gestione, fate attenzione alle duplicazioni di costo.

10. Il bravo “maestro”
Un bravo consulente cerca sempre di coinvolgere il cliente nelle decisioni di investimento, spiegandogli cosa accade e verificando se i suggerimenti dati sono stati realmente compresi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, come rendere l’estate produttiva

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Il fintech bussa in casa Anasf

L’eleganza ad alta temperatura

Multilife, quando i valori non hanno età

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Invesco investe sui consulenti

I due driver della consulenza finanziaria

Sri insieme ai consulenti

Nuovo Albo, Nafop e un sogno (prima) di mezza estate

OCF, la soddisfazione delle scf in attesa del 2019

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Consulenti, i mesi giusti per cercare lavoro

L’assist del Mef a Consob in vista del nuovo Albo

Caccia grossa a 2000 consulenti

Consulenti, una nuova vita da indipendente

Parola ai consulenti, sulla Road to the future

La nuova privacy invade la consulenza

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Ascosim dalla parte del Santo Padre

La grande bellezza di Mediolanum

Consulenti, il bersaglio di Bergoglio è sbagliato

La “predica” di Papa Francesco ai consulenti finanziari

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Consulenza indipendente, in Italia “mission impossible”

Fideuram va in buca

Anasf sempre presente per Efpa

Widiba, la versione di Giacomelli

Efpa, oggi è il Deroma day. Il saluto di Ambrosi

Caro consulente, come tratti i tuoi clienti?

Ti può anche interessare

Azimut, alleanza in Medio Oriente

Siglata un'intesa con Al Mal Capital (AMC) per lanciare un fondo azionario nella regione identificat ...

Mps e Mastercard rinnovano la partnership

I due gruppi ancora insieme nei servizi di pagamento ...

Personal branding: mi presento, sono di Allianz Bank

Allianz Bank personal marketing è stata pensata per valorizzare la professionalità del consul ...