Il tempismo delle autorità cinesi

A
A
A

Per molti una coincidenza, ma i mercati aspettavano da tempo interventi sullo yuan

di Redazione30 giugno 2010 | 13:00

di Gianluigi Cesano

L’altra settimana sostenevamo che l’apprezzamento dello yuan nei confronti del dollaro era oramai una priorità per l’economia globale; a distanza di una settimana è giunto l’annuncio da parte delle autorità monetarie cinesi che la rivalutazione si farà anche se sarà graduale e non repentina. Il tempismo delle considerazioni fatte rispetto all’annuncio da parte delle autorità monetarie cinesi è una fortunata coincidenza, ma era da tempo che ci si attendeva una decisione del genere: un’economia che cresce ad un tasso di circa il 10% all’anno non può permettersi di mantenere un tasso di cambio artificialmente “compresso” per la semplicissima ragione che questo non conviene né ai cinesi né al resto del mondo. Generalmente quando una cosa non conviene più a nessuno i tempi sono maturi perché i cambiamenti avvengano.
A ben vedere il tasso di cambio dello yuan rispetto a dollaro si è andato via via rafforzando nel corso del tempo ed è stata solo la crisi economico/finanziaria a portare ad un temporaneo stop il processo di aggiustamento: ad inizio 2007 il cross in questione (Usd/Cny) valeva 7,8 e si è stabilizzato intorno all’area 6,8 da giugno del 2008 fino ad ora. Questo importantissimo passo permetterà all’economia globale di beneficiare di un riequilibrio degli squilibri commerciali oltre che di dotare i consumatori cinesi di un maggior potere di acquisto che si sommerà alle rivendicazioni sindacali dell’ultimo periodo; l’economia europea in maniera particolare non potrà che beneficiare di tale mossa. Il primo target rialzista individuato sul cross euro/dollaro (1,25) è stato quasi raggiunto ed oltre questo livello il successivo (1,27) verrebbe messo nel mirino dal cambio in questione. Arrivato a questi livelli però sarebbe lecito attendersi una pausa di consolidamento prima di intraprendere nuovi movimenti di una certa rilevanza.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

CONTINUA LA CORSA DEGLI ETF – L’industria globale degli ETF obbligazionari ha registrato imp ...

Unipol sugli scudi dopo annuncio creazione bad bank

BAD BANK PER UNIPOL BANCA – La “bad bank” sembra essere il grande successo dell’estate 2 ...

La paura della crisi subprime torna a Londra

A distanza di 10 anni lo spauracchio della crisi subprime torna a spaventare Londra. Provident Finan ...