Promotori Finanziari – Perché è importante avere un proprio brand

A
A
A
di Marcella Persola 7 Maggio 2010 | 10:30
Terza puntata su come avere successo nel mondo della promozione finanziaria. Da che se ne dica, il brand è importante e a sorpresa si può dire che ciascuno di noi, ne può costruire uno.

Ogni business di successo ha un suo brand. Questo fattore è ciò che permette alla società di differenziarsi dalle altre. In genere si è portati a pensare che il brand sia inevitabilmente legato a un prodotto. Si conoscono gli slogan dei marchi più famosi e i prodotti che queste aziende creano.

Ma sarebbe opportuno ricordare che “Il brand non è un logo, non è un prodotto, il brand è una relazione” per citare Jason Levine.

Sentiamo quali sono secondo il nostro esperto americano Cole Kendall i passi da compiere per creare un proprio brand personale e perché è importante realizzarlo. 

” la maggior parte dei promotori finanziari italiani lavorano per importanti brand della consulenza finanziaria, vi è una parte significativa del brand personale che quindi esula dal proprio controllo, perché dipende dall’immagine e dalla credibilità dell’azienda per cui si lavora. Ogni giorno però si verificano eventi sia positivi, sia negativi che hanno un impatto sull’immagine delle istituzioni finanziarie. Il promotore finanziario può fare ben poco per modificare l’impatto del brand dell’azienda per cui si lavora sul cliente, nonostante sia parte integrante di essa. In ogni caso però può creare un brand personale” racconta Kendall. In che modo?

“Tutte le realtà finanziarie hanno centinaia di promotori finanziari che sembrano fare più o meno la stessa cosa. Se il promotore decidesse di concentrarsi su segmenti di clientela ben precisi, già farebbe un primo passo per differenziarsi dai suoi colleghi, questo però potrebbe portare dei conflitti con il brand o con l’azienda per cui si lavora” continua Kendall.

Quindi cosa fare? Kendall spiega attraverso un esempio la sua idea “Si può pensare al brand come se fosse un negozio e ubicarlo in una via ben precisa. Quando gli acquirenti si recano in una particolare strada, hanno un’aspettativa in merito al tipo di negozi che vi potranno trovare. Alcuni percorrono notevoli distanze per recarsi in un negozio, anche se si trova in un luogo scomodo, solo perché ha il brand molto forte. Alcuni clienti sono disposti ad entrare in un negozio che non conoscono solo se questo corrisponde all’idea di ciò che stanno cercando. Il promotore finanziario non può cambiare la via in cui si trova, ma può progettare il suo “negozio” in modo da attirare il tipo di cliente per cui si è specializzato”.

Si continua nei prossimi giorni con dei casi specifici… 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Promotori Finanziari, Seconda regola: occhio ai dati

Promotori Finanziari, Prima regola: analizza i tuoi clienti

Economia americana: ripresa illusoria dei consumi

NEWSLETTER
Iscriviti
X