Il capital gain si paga doppio spostando il bond in un dossier cointestato

A
A
A

Un cliente di un pf si è visto addebitare due somme a titolo di capital gain perché un bond prima intestato solo a lui era stato successivamente spostato in un dossier cointestato con la moglie. Per la normativa questa operazione viene considerata come una cessione a titolo oneroso con conseguente liquidazione dell’imposta.

Marco Muffato di Marco Muffato29 maggio 2015 | 09:08

DOMANDA – Un cliente mi ha posto delle domande relativamente alla scadenza di un bond sottoscritto in emissione per un importo di 50mila euro e rimborsato alla pari. Il cliente si è visto addebitare due somme con causale “Capital gain D.L. 461/97” perché il titolo era in origine intestato solo a lui ma circa due anni fa lo aveva spostato in un dossier cointestato con la moglie. Ciò aveva portato un prezzo di carico fiscale aggiornato al prezzo di mercato di quel giorno, inferiore a 100. A me pare che il calcolo sia corretto. Oppure mi sbaglio?
G.C., Milano

RISPOSTA – Il lettore non si sbaglia. La modalità di calcolo è giusta perché al momento del trasferimento dei titoli non si è mantenuta l’identica intestazione dei bond e la normativa sul capital gain prevede che una simile operazione venga considerata al pari di una cessione a titolo oneroso, con conseguente liquidazione dell’imposta. In quel momento, quindi, il cliente si è visto contabilizzare una minusvalenza fiscale pari alla differenza tra il prezzo di carico e il prezzo al momento del trasferimento, che poi è stato il prezzo di assunzione in carico nel nuovo rapporto. Ed ecco il motivo per cui si è giunti all’applicazione del capital gain a scadenza. E’ anche ovvio che la “vendita” abbia fatto emergere una minus che è stata già utilizzata dal cliente a compensazione di successive plusvalenze (altrimenti non ci sarebbe stato addebito a suo carico). Ed è stato anche un bene, in quanto dal 1 luglio 2014 l’aliquota è passata al 26% contro il 20% in vigore al momento del passaggio dei titoli. Da notare come alcune banche consentano di attribuire il possesso dei titoli al portatore, immessi in un dossier cointestato, anche a uno solo degli intestatari. In questo caso il titolo sarebbe stato trasferito mantenendo il prezzo di carico. In questi casi si evitano tante complicazioni fiscali.

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Ti può anche interessare

Banca Ifis, il dividendo cresce

Le principali evidenze dei risultati dell’esercizio 2017 ...

Consulenti, in anteprima il programma del FeeOnlySummit

Giunge alla sua settima edizione il congresso nazionale dei consulenti e delle società di consulenz ...

ITForum Milano, Mifid 2 e Fintech al centro della scena

ITForum Milano, a 40 giorni esatti dall'entrata in vigore di Mifid 2, si interroga sull'effetto cong ...