Conversione delle lire in euro: la parola passa ai giudici

A
A
A

Come ampiamente prevedibile il Governo non intende convertire le vecchie lire in euro e ora tocca ai giudici esprimersi su quello che appare un giustissimo diritto dei cittadini.

Marco Muffato di Marco Muffato29 aprile 2016 | 09:25

Domanda. Scrivo a tre mesi di distanza dal vostro ultimo intervento riguardo la possibilità di convertire le lire in euro. La Banca d’Italia ha risposto che è consentito solo a chi può dimostrare di averla richiesta entro il 28 febbraio 2012, vale a dire quasi nessuno. Discorso chiuso, quindi?

G.C., Roma
 
Risposta. Il discorso non è affatto chiuso, ma l’iter non si prospetta agevole. Lo scorso 23 febbraio, il deputato Sara Moretto del Pd ha presentato sul tema un’interrogazione in Commissione Finanze, passata poi alla Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione. Il vice ministro dell’Economia Luigi Casero ha risposto il 16 marzo citando di fatto integralmente il testo che sta arrivando in risposta a tutti coloro i quali hanno inviato la richiesta di conversione (leggi qui ). Secondo il Ministero, “operazioni di cambio che non soddisfino questa condizione, avanzate cioè da persone che non sono in grado di dimostrare di aver presentato una istanza di conversione entro i termini originari, non essendo previste nell’attuale quadro legislativo, richiedono l’introduzione di una nuova norma”. In pratica: per convertire tutte le lire in euro occorre una nuova legge che, aggiungiamo noi, il governo non è disposto a promulgare perché consapevole dell’impegno economico, stante le migliaia di richieste pervenute.
Cosa fare? Come previsto, l’unica strada è quella dei tribunali. Cosa niente affatto semplice perché, se è vero che la logica è dalla parte dei cittadini, da un punto di vista strettamente giuridico la Corte Costituzionale, cancellando il termine anticipato del 6 dicembre 2011, ha riproposto il termine originario del 28 febbraio 2012 (vedi nostro precedente articolo sul tema qui
 
Con queste premesse è necessario far valere altri principi giuridici, sicuramente corretti, ma il cui valore è rimesso alla valutazione dei giudici in merito alla palese impossibilità da parte del cittadino di rispettare un termine di scadenza che in quel momento non esisteva perché cancellato dal secreto in seguito dichiarato illegittimo. Si tratta pertanto di avviare delle cause pilota che cercano di affermare dei principi attraverso la strada giudiziaria. Le vertenze devono per forza di cose essere individuali, non essendo possibile l’azione collettiva in un caso del genere.
 
Per coloro i quali non lo avessero ancora fatto, Il primo passo necessario è presentare istanza di conversione. Allo scopo, sempre l’Aduc ha messo a disposizione sul proprio sito un modulo editabile (scarica qui)  di richiesta di conversione delle lire in euro. Tale modulo va spedito a qualsiasi filiale della Banca d’Italia, meglio quella di competenza geografica i cui riferimenti sono nella colonna di destra della seguente pagina. Il modulo può essere spedito a mezzo raccomandata A.R. E’ anche possibile utilizzare la posta elettronica certificata. In tal caso, il modulo, se allegato e non copiato, deve essere sottoscritto con firma digitale.

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Ti può anche interessare

BLUERATING in edicola: “Spirito di squadra”

Il numero di maggio del magazine dedica la cover stori a Moris Franzoni, responsabile della rete dei ...

Banca Mediolanum, 2017 record per la raccolta

Lo scorso anno l'istituto di Basiglio ha messo a segno il record assoluto di raccolta netta in fondi ...

La Mifid 2 diventa legge

Il consiglio dei ministri ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo di attuazione de ...