Foti (Fineco): “Le nostre strategie per il 2019”

A
A
A

Un numero di consulenti che resterà più o meno invariato e le nuove sfide dei prospetti Mifid 2. L’ a.d. e direttore generale di FinecoBank illustra come si muoverà la banca nei prossimi mesi.

Andrea Telara di Andrea Telara6 febbraio 2019 | 11:32

Circa 70-80 consulenti finanziari, al massimo 100. E’ l’obiettivo di reclutamento di FinecoBank per il 2019, che a ben guardare è in linea con quello degli anni precedenti. A illustrarlo è l’amministratore delegato e direttore generale Alessandro Foti (nella foto), contattato da Bluerating.com subito dopo la presentazione del bilancio annuale della banca. Dopo aver espresso la soddisfazione per la crescita dell’utile e dei ricavi (si veda qui la notizia), Foti ha fatto il punto sulle nuove sfide del 2019. Sul fronte dei reclutamenti, l’intenzione è appunto quella di arruolare non più di un centinaio di professionisti. “Considerando il turnover fisiologico che c’è nella rete”, dice Foti, “prevediamo che a fine anno il numero di nostri consulenti resti più o meno in linea con i livelli attuali”. L’obiettivo di Fineco, infatti, è sempre stato quello di avere una crescita organica, cioè di incrementare soprattutto la qualità e le dimensioni del portafoglio dei financial advisor già presenti nella rete.

Tra i risultati ottenuti nel 2018, c’è la notevole crescita di Fineco Asset Management, la società di gestione del gruppo che ha già masse per 10 miliardi di euro, su un totale di 33 miliardi detenuti dalla società nel risparmio gestito. Avere una società di gestione interna, tuttavia, per Foti non significa aver rinunciato all’architettura aperta, cioè alla selezione dei migliori fondi e prodotti finanziari sul mercato nella costruzione dei portafogli. “Siamo stati gli antesignani di questo modello di servizio”, dice Foti, “e non lo abbiamo certo rinnegato. Non bisogna tuttavia confondere l’architettura aperta, con l’anarchia”.

Il modello scelto oggi da Fineco è piuttosto dell’architettura aperta guidata. La scelta dei migliori gestori presenti sul mercato, secondo Foti, avviene cioè con una nuova modalità: l’offerta di soluzioni di investimento create dalla società di asset management interna ma basate su mandati di gestione a sgr terze. Si crea così uno strumento in più a disposizione dei financial advisor, che non si trova dunque a scegliere da solo tra centinaia e centinaia di prodotti diversi e tra decine e decine di case d’investimento. Commentando i risultati del 2018, Foti ha espresso soddisfazione anche per i primi risultati raggiunti dalle attività in Gran Bretagna, dove ha acquisito 3mila clienti, tra cui molti italiani ma anche e soprattutto stranieri. Oltre il 40% è rappresentato da nativi britannici. “Come preannunciato fin dall’inizio dei nostri progetti, nel Regno Unito avremo una struttura molto snella”, ha detto Foti, “sarà una Fineco come quella italiana, senza però la rete dei consulenti finanziari”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, gennaio positivo grazie ai consulenti

Fineco, un 2018 tutto in crescita

Fineco, arriva la svolta sui fondi passivi

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Foti (Fineco): “Così cresciamo e cresceremo con la nostra rete”

Fineco, semestre con il turbo

Fineco, corre la raccolta nel trimestre

Fineco, il futuro è private

Fineco, Foti tra i big manager d’Europa

Prodotti guidati, benzina per la raccolta di Foti

Foti (Fineco): “Così cambieranno il risparmio e la consulenza”

BLUERATING in edicola: Fineco e la grande opportunità di Mifid 2

Fineco, 200 milioni da UniCredit

Consulenti, Fineco taglia le commissioni

Foti (Fineco): “Vi presento Fineco Asset Management”

Fineco, dicembre (quasi) miliardario

Mifid 2, Foti: “Serve più efficienza”

Fineco, convention a Milano per gli area manager

Fineco, a novembre la raccolta cresce a doppia cifra

Fineco si scatena nel gestito

Foti (Fineco): “Così crescerà la nostra rete”

FinecoBank, raccolta ricca anche ad agosto

Fineco, raccolta ricca a luglio

Foti (Fineco): “Perché creiamo la nostra sgr”

Fineco festeggia il miglior semestre di sempre

Fineco, raccolta col vento in poppa

Fineco, maggio da incorniciare

FinecoBank all’ITForum mette in vetrina la nuova app

Un premio al brand di FinecoBank

FinecoBank, mutui sopra i 120 milioni

Fineco, crescono clienti e raccolta, utile stazionario

Foti (Fineco): “Avanti a tutti nel digitale”

FinecoBank, eletto il nuovo Cda Ecco il dividendo per i soci

Ti può anche interessare

Azimut, i 2 nuovi big partner

Illimity, la banca di Passera, e il colosso finanziario olandese Ing sigleranno accordi con la rete ...

Consulenza finanziaria, il dualismo prodotto-processo

E' scontato che la visione della consulenza finanziaria come consulenza di processo sia superiore a ...

Credem si prende una fetta di Blue Eye

Il Gruppo ha acquisito il 20% della pmi, che produce software innovativi per la gestione elettronica ...