Consulenza finanziaria: 5 motivi per amare questa professione, oltre i guadagni

A
A
A
Avatar di Simona Politini22 novembre 2019 | 14:26

Diventare consulente finanziario è un traguardo ambito da molti, basta guardare i numeri: al 31 dicembre 2018 risultavano iscritti all’Albo unico dei consulenti finanziari: 55.335 consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede. Senza girarci troppo attorno, è chiaro che la professione attira maggiormente per la possibilità di guadagni elevati, potenzialmente senza limiti. Ma, gli aspetti positivi della consulenza finanziaria non si fermano all’ambito economico. Ecco dunque perché diventare consulente finanziario può regalare tante soddisfazioni.

Diventare consulente finanziario: 5 motivazioni oltre al guadagno

Il consulente finanziario aiuta le persone

Il consulente finanziario può aiutare le persone a prendere in mano concretamente la propria situazione finanziaria e migliorarla, nonché a raggiungere i propri obiettivi economici che possono andare dal garantirsi una pensione sicura o assicurare ai figli un’istruzione elevata, sino alla pianificazione successoria. Può capitare, infatti, di trovarsi a disposizione una cifra di un certo rilievo proveniente da un lascito ereditario o dalla vendita di un bene, tuttavia, se non si possiede una solida educazione finanziaria, provare ad investire in autonomia può rivelarsi un boomerang. Ecco dunque che il consulente finanziario è pronto a prendere in mano la situazione facendola fruttare come nei desideri del cliente.

Il consulente finanziario ha la possibilità di conoscere molte persone diverse

Nel suo lavoro il consulente finanziario ha l’opportunità di incontrare tantissime persone diverse sotto ogni profilo: età, istruzione, reddito, etc., con storie e esigenze totalmente differenti. È vero, un buon consulente dovrebbe essere specializzato su un target affinando sempre di più le proprie strategie di successo finanziario, ma questo non esclude la possibilità di venire a contatto con persone al di fuori di questo gruppo e gestirne le risorse economiche al meglio.

Il consulente finanziario non conosce la monotonia

Se pensi che essere un consulente finanziario sia noioso o banale, probabilmente stai facendo un grave errore di valutazione: la monotonia non fa proprio parte della consulenza finanziaria. Ogni cliente è diverso: i loro obiettivi sono unici, le loro situazioni specifiche sono diverse e le loro priorità possono cambiare nel tempo. Essere un consulente finanziario non è per tutti, ma se ti piace un lavoro frenetico che ti tiene in punta di piedi, potrebbe essere adatto a te.

Il consulente finanziario non smette mai di imparare cose nuove

Non puoi immergerti nella letteratura finanziaria e non imparare qualcosa di nuovo ogni tanto. Né puoi passare tutto il giorno ad aiutare le persone a migliorare la propria vita senza imparare qualcosa che possa aiutarti. Dopotutto, uno dei modi migliori per interiorizzare veramente qualcosa è insegnarlo a un’altra persona. Come consulente finanziario hai sempre l’opportunità di apprendere e beneficiare delle tue conoscenze in continua espansione.

Il consulente finanziario ha flessibilità e indipendenza

Forse uno dei maggiori vantaggi di essere un consulente finanziario è l’indipendenza personale che ti offre: puoi lavorare tanto o quanto vuoi e il tuo compenso è legato direttamente all’impegno che ci metti. Nella consulenza finanziaria vieni pagato in proporzione al valore che apporti sul mercato. Questa è una filosofia meravigliosa perché non c’è limite al tuo reddito. Se aiuti più persone in un modo migliore, vieni pagato di più. È abbastanza semplice


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti e risparmiatori italiani, un rapporto fermo al palo

Consulente finanziario, i 3 motivi per convincere i clienti indecisi

Consulenza, ecco cosa vogliono i nuovi clienti private

8 abitudini di successo nella consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria: pianificazione successoria, un argomento tabù per molti ricchi

Consulente finanziario: sette consigli per intraprendere la professione

Consulente finanziario: 4 cose che la gente vuole davvero da te

Consulenti finanziari, come avere successo: cosa non fare mai con i clienti

Consulenti, voi farete la fine dei dinosauri

Il lungo cammino dell’advisor: i portafogli raddoppiano

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Consulenti a caccia di una legittimazione

Mediolanum: i numeri raccontati da Massimo Doris

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Ma quanto mi costi?

Consulenza? Sconosciuta. E non si vuole pagarla

Consulenza finanziaria, elogio della liquidità

Sezioniamo la consulenza finanziaria

La check list di buona advice

Consulenza finanziaria in semplicità

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Mifid 2, il giorno dopo: all’ITForum big delle reti a confronto

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Amazon rivoluzionerà la consulenza finanziaria

La Mifid 2 diventa legge

Mifid 2 allarga i confini della consulenza, ma si rischia una Babele

Consulenti, la scadenza per iscriversi all’esame

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Benvenuti al sud: appuntamenti con i cf Widiba in Campania e Basilicata

Ti può anche interessare

IWBank PI, nuovo advice center nel padovano

IWBank Private Investments amplia la sua presenza in Veneto: dal 3 dicembre è operativo il nuovo Ad ...

Ubi Banca: ecco il calendario degli eventi societari

Data per data ...

Mediolanum: su Fininvest la spada di Damocle della UE

L’alto tribunale dell’Unione Europea ha infatti dichiarato di essere l’unica autorità compete ...