Reti, basta slogan. La verità messa a nudo sui giovani consulenti

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti24 marzo 2020 | 10:14

Il problema del ricambio generazionale nel mercato italiano della consulenza finanziaria è uno di quei temi che metti tutti d’accordo. Non a caso è stato ripreso più e più volte anche in occasioni istituzionali, come nell’ultima edizione romana di ConsulenTia, dove se ne è discusso durante il convegno di apertura “Tra continuità e cambiamento”, così come durante conferenza dedicata “Re-generation: largo ai giovani”. Tra il dire e il fare, mette in allerta il detto, c’è però di mezzo il mare. L’ultima relazione annuale Ocf, relativa al 2018, ha evidenziato che il 56,6% degli iscritti all’Albo aveva almeno 50 anni, mentre l’1,6% aveva meno di 30 anni. Uno scenario poco incoraggiante, sul quale è necessario intervenire massicciamente. A parole tutte le reti sembrano pronte a fare il passo in avanti, a impegnarsi come mentori per le nuove leve dell’advisory… ma sarà davvero così?

Per verificare la coerenza tra intenti dichiarati e azioni concrete, la redazione di BLUERATING ha voluto analizzare empiricamente tutte le delibere 2019 di iscrizione all’Albo unico dei consulenti finanziari, sezione consulenti abilitati all’offerta fuori sede, andando a verificare per quali mandanti hanno deciso di lavorare tutti i neo iscritti nati dopo il 1989. Sulla base di queste evidenze, in prima analisi abbiamo costruito la classifica di neo consulenti under 30 per intermediario (considerando esclusivamente quelle realtà che comunicano mensilmente i propri dati di raccolta e organico ad Assoreti) per poi valutare gli stessi in funzione dell’incidenza sull’organico. L’obiettivo era quello di capire quali realtà si siano impegnate maggiormente nel 2019 nell’accompagnare i giovani alla professione. La lettura dei dati mostra che praticamente quasi tutte le società coinvolte hanno accolto e/o fatto da chioccia a neo consulenti under 30 per una frazione inferiore all’1% dei professionisti nel proprio organico. Concedendo la buona fede d’ufficio alle reti nostrane, la riflessione che ne nasce è comunque inevitabile: nella giungla delle buone intenzioni, i fatti sembrano essersi persi. L’Italia della consulenza, non è (ancora) un paese per giovani.

 


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Allianz Partners, un aiuto alla Lombardia

Raccolta, Fideuram tritatutto. Super gestito per Azimut

Allianz, crescita a doppia cifra nell’advisory

Consulenti, il nuovo peso politico delle mandanti

Consulenti, la top 10 dei più votati e alcune grandi assenze

Consulenti, l’illusione ottica del reclutamento nelle grandi reti

Allianz, in arrivo l’app aggregatrice di conti correnti

Allianz Bank FA racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Allianz Bank FA, il 2019 in 5 notizie

Natale 2019, gli auguri di Allianz

Allianz Bank Fa, un Robeco regalo per i consulenti

Reti Champions League: quarti da urlo, ecco chi passa alle semifinali

Allianz, nuovo ingresso per il business Health

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Bluerating Awards: Allianz Bank FA, ecco I cf in nomination

Reti Champions League: vincitori e vinti dei gironi

Allianz Bank FA si apre agli etf, accordo con Amundi

Allianz Bank e Unigestion, nuova partnership per il multi asset

Allianz Bank FA, gestito e unit linked fanno bella la raccolta

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Allianz, il “bosco volante” nella grande hall della Torre

Reti Champions League: giornata da incorniciare per Pietrafresa e Giuliani

Allianz si prende un pausa dal Bund

Rendiconti Mifid 2: scelta strutturata per Allianz Bank FA

Allianz Italia, raccolta premi da Oscar

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Allianz a misura di famiglia

Olimpiadi a Milano e Cortina, congratulazioni da Allianz

Allianz presenta Matrix: intelligenza artificiale per gli agenti

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Ti può anche interessare

Consulenti, il calo dei profitti fa discutere

Conti Nibali su Twitter commenta un post di Bluerating che riportava la ricetta del presidente dell ...

Credem, raffica di assunzioni (anche tra i consulenti)

Credem in prima linea per creare occupazione nel nostro Paese. In poco più di cinque anni sono stat ...

Credit Suisse, ammesso un altro caso di spionaggio

Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Dopo il caso di Iqbal Khan, top manager della gestione patrim ...