Reti e banche “graziate” dal rating, ma l’outlook fa paura

A
A
A
Avatar di Redazione 30 Aprile 2020 | 11:19
Lo scorso 29 aprile Standard & Poor’s si è espressa sulle prospettive del settore bancario italiano. La società ha tagliato le prospettive Unicredit e parallelamente confermato il rating di tutti gli istituti. Ora “le prospettive sulla maggior parte delle banche italiane sono negative a causa dell’accentuarsi dei rischi al ribasso dovuti al Covid-19″ fa sapere l’agenzia in una nota, ripresa da Teleborsa. Dopo il recente outlook negativo sull’Italia, S&P annuncia, dunque, che anche l’outlook sul rating di Unicredit passa da stabile a negativo e la banca mantiene il rating BBB a lungo termine.

Confermato dall’agenzia rating e outlook di Intesa, Mediobanca, Fineco, Fca Bank (BBB con outlook negativo), Credem (BBB- con outlook stabile), Mediocredito Centrale (BBB- e outlook negativo) e DepoBank (BB- e outlook stabile).

Nonostante le misure decise dai governi, secondo l’agenzia, le economie europee e quella italiana devono fronteggiare “sfide senza precedenti” con la pandemia di Coronavirus. E anche nel caso di ripresa nel terzo trimestre dell’anno S&P stima che “i profitti bancari, la qualità degli attivi e, in qualche caso, la capitalizzazione, si indeboliscano significativamente attraverso la fine del 2020 e nel 2021”

Per le banche previsti, quindi, indebolimenti di rilievo su utili, qualità degli asset e in alcuni casi livelli di patrimonializzazione. La predominanza di outlook negativi – conclude l’agenzia – “riflette questi fattori e la nostra opinione che i rischi al ribasso restano significativi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risiko bancario, si attende la mossa del Credem

Credem, progetto nuovo di pacca con le università

Credem, passione volley

Credem, dove la parità è certificata

Credem, S&P conferma i rating anche dopo l’acquisizione

Credem, un impegno per i diritti umani

Credem, l’utile c’è ma rallenta

Credem, la rete mette il turbo in Emilia Romagna e Marche

Reti, Credem regina dello smart working

Caro cliente, prova a com-prendermi

Credem, video-consulti gratuiti di prevenzione per i clienti

Credem, un bel posto dove lavorare

Credem e Cassa di Risparmio di Cento, la fusione è realtà

Credem, il futuro delle risorse umane

Credem, la consulenza anti-fragile

Credem, 10 nuovi consulenti e 3 advisory team per Liguria e Piemonte

Credem, in Triveneto si recluta

Credem alza il sipario sul nuovo polo del private banking

Bluerating Awards 20, ecco chi sono i nominati per la categoria TOP ENTRY

Credem, sprint per il factoring

Credem arruola un veterano di Banca Mediolanum

Credem, investire in innovazione è un must

Credem, il Covid si mangia parte dell’utile ma la raccolta cresce

Credem, 450 milioni per il gestito

Credem incontra il Fintech District

Euromobiliare, con Fidelity il fondo per puntare sulla Cina

Credem, è il tempo del ritorno

Credem, il retail banking di domani

Credem, un incontro con la bandiera juventina

Credem e Abi, un webinar per capire i meccanismi delle scelte finanziarie

Credem, una nuova colazione digitale

Credem, al via il negozio online per i clienti

Credem, business e tecnologia in un webinar

NEWSLETTER
Iscriviti
X