Fineco, la campagna di Gran Bretagna

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 12 Maggio 2020 | 12:05
Parla l’amministratore delegato Foti: “Così cresceremo nel mercato d’Oltremanica, puntando sulla nostra piattaforma di trading e sul collocamento di fondi. In Italia prevediamo dati di bilancio positivi anche nel secondo trimestre”.

Alessandro Foti (nella foto), amministratore delegato e direttore generale di Fineco Bank, in questi giorni ha avuto a che fare con un bel po’ di numeri. Sono quelli dell’ultima relazione trimestrale di bilancio che attestano una crescita a due cifre dell’utile e dei ricavi (si veda qui la notizia di Bluerating.com) e che non lasciano spazio a dubbi: l’effetto-Covid 19, che ha bloccato l’Italia con le misura di distanziamento sociale, sul business di Fineco per il momento non si è visto. Anzi, Foti si dice fiducioso di vedere dati di bilancio positivi anche nel secondo trimestre dell’anno, mentre la sua banca continua a portare avanti un progetto importante: l’espansione in Gran Bretagna. Sul mercato d’Oltremanica Fineco è già presente dal 2017 ma ora si appresta a dare un’accelerata alle sue attività, con il lancio di una nuova  campagna promozionale e di marketing

Dunque, Dr. Foti, per Fineco si apre un nuovo capitolo…

Diciamo che stiamo ampliando un progetto già avviato sul quale adesso ci impegniamo, per la prima volta, con un’ apposita campagna promozionale.

Su quali servizi punterete?

Come nella nostra tradizione, procederemo per gradi, adattandoci naturalmente alla realtà locale. Utilizzeremo cioè come testa di ponte la nostra piattaforma avanzata per i servizi di brokerage e di trading multicurrency per poi passare in un momento successivo all’offerta di servizi di investimento con la distribuzione di fondi.

Nessuna rete di consulenti finanziari?  

No. Fin dall’ arrivo in Gran Bretagna, abbiamo manifestato l’intenzione di replicare il nostro modello di business italiano, senza però la rete dei financial advisor. Dobbiamo infatti tenere conto delle peculiarità del mercato inglese, dove l’industria della consulenza finanziaria è popolata per lo più da professionisti indipendenti. Qui in Italia, come sa bene chi conosce il settore, le reti di consulenti operano attraverso contratti di tied agent, di agenzia con mono-mandato. Questo assetto di mercato è stato a mio avviso una risorsa perché ha creato un legame stretto tra gli intermediari e le reti, che sono anche responsabili in solido nei confronti della clientela. E’ proprio grazie a queste peculiarità che l’industria della consulenza finanziaria nel nostro paese è diventata florida e ha raggiunto il grado di sviluppo che ha oggi, con circa 600 miliardi di euro di masse.

Quanti clienti avete già in Gran Bretagna?

Attorno a 7mila, ma stiamo crescendo. Inizialmente i nostri correntisti erano per lo più italiani residenti nel Regno Unito che già conoscevano il nostro brand. Oggi, invece, circa il 90-95% della nuova clientela è rappresentata da cittadini britannici.

Parliamo del vostro business in Italia: perché è fiducioso anche sui risultati del prossimo trimestre?

Più volte ho sottolineato la forza del modello di business di Fineco, che mostra una certa forza anche in contesti di mercato diversi. I nostri ricavi si basano principalmente su tre pilastri: i servizi bancari, quelli di trading e la consulenza finanziaria. Nel primo trimestre dell’anno, in un contesto di ripresa della volatilità dei mercati, i servizi di trading hanno rappresentato una importante fonte di commissioni. Nei prossimi mesi probabilmente non sarà più così e forse dobbiamo anche auspicarcelo perché significherebbe che sui mercati finanziari tornerà un po’ più di tranquillità. Ma Fineco continuerà con il suo modello di business flessibile, che può contare appunto anche sull’apporto, in termini di ricavi, dei servizi bancari e di consulenza.

L’effetto-pandemia ha cambiato le abitudini di molti italiani. È mutato qualcosa nel rapporto consulente-cliente nella rete di Fineco?

Per quanto riguarda le relazioni con la clientela, posso dire che la nostra rete era già pienamente attrezzata per avere un rapporto anche a distanza, grazie alla tecnologia.

Ci sono prodotti sui quali punterete di più nei prossimi mesi?

 Siamo molto impegnati nella distribuzione di  prodotti di decumulo e Target Boost che aiutano i clienti a investire in maniera razionale e a non sbagliare il market timing. Si tratta cioè di prodotti che, utilizzando degli algoritmi e dei meccanismi automatici, consentono di aumentare l’esposizione sul mercato azionario durante le fasi di ribasso quando i prezzi sono convenienti e di ridurle quando invece le quotazioni sono più elevate e meno convenienti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco sfiora i 6 miliardi

Consulenti Fineco, quanti clienti in condivisione

Banche-reti: Mossa, Foti e i Doris tra i top manager italiani

Fineco, trimestre col turbo e senza effetto-Covid

Fineco, la raccolta è più forte del Coronavirus

Fineco, cambio in vista alla presidenza

Fineco, 1,1 milioni per Foti

Fineco, la consulenza è sempre più cyborg

Fineco, piattaforma al top

Fineco, BlackRock è il primo azionista

Fineco è tutta del mercato

Pensioni integrative in stile Fineco

Foti (Fineco): “In autunno grandi novità per i nostri consulenti”

Fineco, gli afflussi tengono duro

Fineco, via D’Onofrio dal cda. Il board nel dopo UniCredit

Fineco, un altro boccone di BlackRock

Fineco, mezzo miliardo di raccolta ad aprile

Consulenti, quelli di Fineco potranno dividersi i clienti

Fineco, gli incentivi ai “magnifici” 10 consulenti

Fineco, raccolta con sprint anche a febbraio

Il triplete di Foti e l’onore di Fineco

Fineco, gennaio positivo grazie ai consulenti

Foti (Fineco): “Le nostre strategie per il 2019”

Fineco, un 2018 tutto in crescita

Fineco, arriva la svolta sui fondi passivi

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Foti (Fineco): “Così cresciamo e cresceremo con la nostra rete”

Fineco, semestre con il turbo

Fineco, corre la raccolta nel trimestre

Fineco, il futuro è private

Fineco, Foti tra i big manager d’Europa

Prodotti guidati, benzina per la raccolta di Foti

Foti (Fineco): “Così cambieranno il risparmio e la consulenza”

NEWSLETTER
Iscriviti
X