Banche: un trimestre da incorniciare per Deutsche Bank

A
A
A
di Redazione 28 Aprile 2021 | 09:08

Deutsche Bank ha archiviato il primo trimestre di quest’anno con un utile pre tasse di 1,6 mld di euro e un utile netto di un mld di euro in deciso aumento dai rispettivamente 206 mln e 66mln relativi allo stesso perido del 2020. Si tratta del risultato migliore degli ultimi sette anni che ha fatto meglio del consensus degli analisti (limitato a 642,95 mln) e che ha permesso un miglioramentodella redditività anche rispetto ai profitti di 51 mln di euro riportati nel quarto trimestre del 2020.

Il fatturato dell’istituto è poi cresciuto a 7,2 miliardi di euro, rispetto ai 6,35 miliardi di euro dello stesso periodo del 2020 e il CET 1 ratio è aumentato al 13,7%, rispetto al 12,8% del primo trimestre del 2020.

Gli accantonamenti per eventuali perdite futuri sui crediti sono stati pari a 69 milioni, in calo dell’89% rispetto ai 506 milioni del primo trimestre del 2020.

Il nostro primo trimestre è un’ulteriore prova che Deutsche Bank è sulla strada giusta in tutte e quattro le attività principali e sta costruendo una redditività sostenibile – ha affermato Christian Sewing, amministratore delegato della banca tedesca – e oltre a una sostanziale crescita dei ricavi rispetto a un trimestre dell’anno precedente già forte, abbiamo dimostrato un’attenta disciplina sui costi e sui rischi. Abbiamo inoltre ottenuto un rendimento al netto delle imposte sul capitale proprio tangibile superiore al 7% e i rendimenti core già superiori alle nostre stime per il prossimo anno. Questi risultati ci danno fiducia che raggiungeremo i nostri obiettivi per il 2022 ”.

Al momento il titolo Deutsche Bank segna sul listino di Francoforte un rialzo del 3,3 per cento

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank FA, scorpacciata di consulenti

Deutsche Bank: un nuovo ingresso per il team italiano degli Investment Manager

Reti e conti correnti, ecco chi costa di più (e chi meno)

NEWSLETTER
Iscriviti
X