Parmalat, i fondi vogliono un nuovo presidente

A
A
A

Si rafforzano i rumors lanciati dal quotidiano Milano Finanza, secondo il quale alcuni fondi interni all’azionariato del gruppo, starebbero spingendo per un cambio ai vertici della società. Che scenari si prospettano?

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti30 gennaio 2009 | 11:00

Secondo quanto riportato da Milano Finanza, i principali fondi azionisti del gruppo Parmalat spingono fortemente per l’insediamento di un nuovo presidente operativo al posto del professore Raffaele Picella (che ha svolto un ruolo di garanzia nella prima fase di rinascita). Il nome più accreditato per questa poltrona sarebbe quello di Marcello Manca, attuale numero uno di Unilever. Questi rumors sono stati accolti positivamente dal mercato, con il titolo che ha visto un rialzo dell’1,81%. Tuttavia Collecchio ci tiene a precisare che l’informazione è “destituita di qualsiasi fondamento”.

I fondi che possiedono quote in Parmalat sembra che siano, quindi, in procinto di dettare legge.
Recentemente l’azionariato ha visto l’ingresso di fondi attivisti come Mackenzie Cundill, da settembre primo socio con un 7,5% del capitale, e Fin Tree che possiede in portafoglio da ottobre un buon 2,87%. Sullo sfondo rimangono presenti Goldman Sachs con il 2% e Intesa Sanpaolo con il 2,4% e altri fondi che possiedono una quota sotto al 2%, ma che comunque rimarrebbero in contatto tra di loro al fine di intraprendere valutazioni comuni sul gruppo.

Cosa si aspettano queste società dall’investimento in Parmalat? Il piano sembra chiaro: una governance diversa, con l’ottica di costruire un management all’altezza di altri grandi colossi dell’alimentare. Una spinta aggiuntiva deriva dal miliardo di Euro di cassa derivante dalle cause legali con le banche. Tuttavia i risultati a livello di performance societaria per ora sembrano abbastanza contrastanti; ad una crescita attesa nel 2008 pari al 2,4%, si accosta la revisione delle stime per il 2009 ed il 2010 attuata da alcune società  (Dresdner Kleinwort e Nomura su tutte). Un vero rilancio di Parmalat potrebbe essere alle porte: realtà palpabile o sognante utopia?


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Commodity globali, un fondo per Lazard

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Fondi, dove costano meno in Europa

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

Un fondo per gestire le sterzate del mercato

Fondi, con Fidelity la commissione è variabile

Fondi, le migliori piattaforme online

Contenere il rischio è l’obiettivo

Occhio al rischio dei fondi monetari

Le stelle del Salone del Risparmio

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Base Investments, due fondi per due premi

Etica sgr, proventi in distribuzione

Ubp, il bond emergente e sostenibile

Russell Investments, un nuovo fondo sostenibile a rischio controllato

Amundi Etf, 2017 memorabile e 2018 con vista retail

Carmignac: la festa sui mercati sta per finire?

Assogestioni, la raccolta provvisoria 2017 sfiora i 100 miliardi di euro

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Ti può anche interessare

I fondi Pir detengono il 23% del flottante su Aim Italia

Lo studio di IR Top ha delineato come nel primo anno di vita dei Pir gli strumenti legati ai Piani i ...

Aiaf presenta il suo Portafoglio ottimizzato

Per il secondo trimestre 2018 i Panel Strategist di Aiaf hanno confermato il loro sovrappeso per il ...

Degroof Petercam Am si rafforza con Vander Elst

Il manager entra come co-gestore specializzato nel settore del debito dei mercati emergenti, e vanta ...