Il passaggio verso il sistema contributivo

A
A
A
Biagio Campo di Biagio Campo 10 Dicembre 2010 | 09:30
Scarsa educazione finanziaria ed un limitato livello di risparmio sono le sfide da vincere, per il buon esito del passaggio al regime contributivo, che già prevale in Australia e Stati Uniti.

Ci stiamo allontanando da un mondo nel quale era garantito un livello pensionistico definito, verso un nuovo scenario nel quale le persone devono gestire il rischio associato agli investimenti destinati alla propria pensione, tuttavia sono ancora in molti a non avere la preparazione necessaria per assumersi questa responsabilità. Con Marco Fusco, Country Head di SSgA Italia e Amministrato Delegato di SSgA Francia, ci confrontiamo sui cambiamenti in atto relativi allo spostamento verso un modello pensionistico di tipo contributivo.

Qual è attualmente, a livello globale, la quota degli asset pensionistici di tipo contributivo?
Secondo la società di consulenza Towers Watson gli attivi di tipo contributivo rappresentano il 42% del totale degli asset pensionistici dei sette più importanti mercati pensionistici del mondo, ovvero Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada, Svizzera, Giappone e Olanda. Nel 1999, questa percentuale non superava il 32%. Negli ultimi 10 anni, in questi mercati, gli asset di tipo contributivo sono cresciuti a un ritmo annuo del circa 6,4%, mentre quelli di tipo retributivo hanno registrato un aumento dell’1,6%.

Si tratta di un fenomeno globale?
Se da una parte la longevità sempre più diffusa sta esercitando una pressione sui sistemi pensionistici di tutto il mondo, dall’altra, i vari mercati attraversano fasi diverse nel passaggio verso il sistema contributivo. L’Olanda resta prevalentemente di tipo retributivo, mentre in Australia il regime contributivo prevale da molto tempo, e rappresenta l’82% degli attivi pensionistici. Nel Regno Unito, i fondi pensione hanno registrato un calo degli investimenti di notevole entità e stanno chiudendo a ritmo serrato. Il sistema contributivo è ben consolidato negli Stati Uniti. Nel resto del mondo, molti mercati, tra cui diversi in Asia, stanno cominciando ad adottare sistemi contributivi, e tutti hanno la grande opportunità di poter imparare dai mercati dove il sistema contributivo è già quello dominante.

Quali sono le principali sfide che il sistema contributivo deve affrontare?
Alcune delle attuali sfide derivano dal fatto che, in certi mercati, i piani di tipo contributivo sono stati concepiti inizialmente come integrativi e non come piani pensionistici primari. La conseguenza è che molti piani di tipo contributivo sono volontari e che il livello di partecipazione è ancora troppo basso. Inoltre, molti pensionandi non hanno l’educazione necessaria per capire i rischi intrinseci degli investimenti per una pensione di tipo contributivo e pianificare con efficacia il proprio pensionamento. In generale, le persone non risparmiano abbastanza e la loro scelta degli investimenti è talvolta inadeguata. Ciò è sottolineato da uno studio dell’Istituto per la ricerca sui benefici degli impiegati statunitense, che ha evidenziato che un quarto circa degli aderenti ai piani 401(k), di età tra i 56 e i 65 anni, alla fine del 2007, teneva investito più del 90% della propria posizione assicurativa in azioni. Un’allocazione degli investimenti così aggressiva non è consigliabile quando una persona si avvicina al pensionamento.

Di chi è la responsabilità di affrontare questi problemi?
Tutti coloro che hanno che fare con il sistema contributivo hanno un ruolo da svolgere nel garantire che il sistema risultante sia sostenibile. I datori di lavoro possono contribuire a massimizzare la partecipazione a questi piani pensionistici con misure quali l’apertura automatica di una posizione assicurativa, se l’interessato non sceglie attivamente di escludersi, o versando un contributo equivalente a quello del singolo impiegato. I piani fiduciari in questo aspetto possono svolgere un ruolo importante nel garantire una governance solida, mentre da parte loro i governi e i regolatori possono autorizzare prodotti e approcci innovativi, che contribuiranno a garantire un reddito adeguato per le persone che andranno in pensione.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arca Fondi, miglior gestore italiano di fondi pensione

Fondi pensione, gestione oltre i 180 miliardi di euro

Previdenza complementare, ecco perché in Italia è fondamentale

Fondi pensione, è vittoria sul tfr

Fondi pensione, un anno da dimenticare

Fondi pensione, più costi con le regole europee

Fondi pensione: la classifica di quelli che mettono ko il tfr

Fondi pensione, che salasso per i lavoratori

Il trionfo dei fondi pensione di categoria

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

I fondi pensione diventano europei

Fondi pensione a caccia di gestori

Quota 100 delle pensioni costa 13 miliardi

I fondi pensione investono nelle piccole imprese

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

Fondi pensione e casse di previdenza, ecco dove investono

SoGen ha i titoli per Byblos

Fondi pensione, iscrizioni col vento in poppa

Fondi pensione chiusi, adesioni in crescita

Anche i fondi pensione vogliono i Pir

Anche il fondo pensione norvegese ha approfittato del rally di Wall Street

Sempre più italiani si informano online sui piani pensionistici individuali

La Norvegia investirà in Gran Bretagna anche dopo voto su Brexit

Fondi pensione e gestori non sono ancora pronti per il blockchain

Atlante vorrebbe sostenere le banche, ma non afferra Cometa

Hdi Azione di Previdenza Linea Dinamica torna a salire

Cina, i fondi pensione pronti a investire sulle borse locali

Il datore di lavoro non versa il Tfr? Interviene il fondo di garanzia

State Street: cosa sta succedendo alla governance dei fondi pensione

Unipol Insieme comparto Valore riesce a difendersi

Ottobre porta una svolta positiva per Zed Omnifund – Linea Azionaria

I fondi pensione canadese sono tentati dalla leva

Eurorisparmio Azionario Internazionale chiude ottobre in ripresa

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 12/11/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 10/03/2020

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 10/04/2020

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X