Lipper: i fondi europei sono destinati ad aumentare di numero

A
A
A
Avatar di Redazione 9 Settembre 2014 | 09:00
Secondo la ricerca di Lipper, dopo la flessione di quest’anno nell’industria del risparmio gestito riprenderanno con forza i lanci dei fondi d’investimento.

FONDI IN AUMENTO? – Il numero dei fondi d’investimento europei è destinato a crescere di nuovo, dopo il recente periodo di stallo. Lo rivela una ricerca di Lipper ripresa dalla sezione del Financial Times dedicata ai consulenti finanziari, secondo cui il numero dei fondi nell’industria del risparmio gestito si è ridotto quest’anno nonostante una raccolta netta a circa 244 miliardi di euro. Proprio per questo il lancio di nuovi prodotti potrebbe ritrovare forza e vigore, di pari passo con le nuove strategie delle società di gestione. “Dal mio punto di vista”, spiega Detlef Glow, responsabile Emea di Lipper, “è chiaro che il settore europeo dei fondi cercherà di garantire una crescita futura, offrendo nuove strategie che si adattino maggiormente alle esigenze degli investitori. Per questo sembra probabile che il mercato europeo registrerà un numero crescente di fondi nel 2015”.

IL TREND DI CRESCITA
– Durante il secondo trimestre dell’anno sono stati lanciati circa 518 nuovi fondi, ma ne sono stati chiusi 402. Ben 257 le fusioni registrate: il che significa un calo netto di 141 fondi. “Rispetto al picco del 2011, il numero di prodotti lanciati in questo periodo ha mostrato un calo di circa il 38%”, ha aggiunto Glow. “Ma da allora il numero di lanci è salito costantemente e se la tendenza continuerà potremmo assistere a una solida crescita in Europa il prossimo anno”. A fare la parte del leone sono stati i fondi azionari, seguiti da quelli obbligazionari e poi da quelli misti. “Non sorprende che i fondi azionari siano stati l’asset class con il maggior numero di prodotti lanciati sul mercato di recente”, ha sottolineato Glow. “E non sorprende neanche il numero elevato di fondi multi asset lanciati nel secondo trimestre del 2014, i preferiti dagli investitori nell’ultimo periodo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X