Strategie multi asset per mantenere la rotta

A
A
A

La diversificazione è la chiave della gestione del portafoglio. E dei fondi…

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti20 aprile 2018 | 16:38

Parliamo di portafoglio e asset allocation. Sbagliare è umano, anche nel processo di investimento. Occorre una buona dose di autodisciplina per evitare errori comuni legati ad inerzia, comportamento in linea con “il gregge”, eccessiva fiducia o avversione alle perdite. Un nuovo studio di AllianzGI dimostra che i fondi multi asset possono aiutare gli investitori a non cadere in queste trappole.

“La nostra ricerca evidenzia che la raccolta netta dei fondi multi asset è rimasta stabile nelle fasi di rialzo e di ribasso dei mercati, rafforzando l’autodisciplina degli investitori e supportando la stabilità dei loro investimenti” – spiega Hans-Jörg Naumer, Head of Global Capital Market Analysis and Thematic Research di AllianzGI.

L’ascesa del multi asset in Europa e il ritardo degli USA

Fra il 2002 e il 2017, in Europa, 870 miliardi di Euro netti si sono riversati nei fondi multi asset, seguiti dai fondi obbligazionari (Euro 504 miliardi), azionari (Euro 44 miliardi) e di altro tipo (Euro 220 miliardi). Ciò significa che in quest’area negli ultimi 15 anni più di un euro su due è stato investito in fondi multi asset. Negli USA il comparto multi asset ha raccolto 1.139 miliardi di Euro, ma i risparmiatori hanno preferito l’azionario (Euro 2.107 miliardi) ed il reddito fisso (Euro 2.065 miliardi).

Il commento di Naumer: “In Europa si guarda ai fondi multi asset non in sostituzione di altri tipi di fondi, ma come ad una asset class a sé: i flussi verso questi prodotti mostrano una scarsa correlazione con la raccolta delle strategie azionarie e obbligazionarie. Gli investitori, inoltre, sfruttano i fondi multi asset in modo molto selettivo per gestire l’asset allocation, come si può vedere dalla relativa sovra/sottoponderazione basata sui flussi. Negli USA, invece, emerge uno scenario differente”.

Fondi multi asset come strumento di asset allocation

La maggiore domanda di fondi multi asset si riflette non solo nel volume dei flussi, ma anche nelle posizioni, vale a dire nell’allocazione complessiva degli investitori, indicata dalla distribuzione del patrimonio dei fondi fra azioni, obbligazioni, strumenti del mercato monetario e, naturalmente, fondi multi asset.

Ciò è particolarmente evidente in Germania, dove la percentuale di fondi multi asset nei portafogli è aumentata nel corso del periodo osservato dal 12% al 32%, contro un incremento dal 21% al 26% in Europa. Negli USA, la quota del multi asset sul totale è cresciuta molto lentamente, da un modesto 6% al 13%. Se consideriamo l’evoluzione del mercato parallelamente al comportamento degli investitori ed esaminiamo l’allocazione attiva, ovvero il sovra/sottopeso rispetto all’insieme del mercato, il processo decisionale appare ancora più chiaro.

Alberto D’Avenia, Country Head Italia di AllianzGI, conferma il trend: “Il multi asset è ormai un investimento “core” e centrale di molti portafogli. Grazie alle nostre competenze e ai numerosi riconoscimenti ricevuti da AllianzGI, vediamo aumentare costantemente il numero di clienti che investono in molteplici asset class interessanti tramite le nostre soluzioni multi asset a gestione attiva. La nostra offerta ampia e diversificata è in grado di soddisfare ogni esigenza e questo vale anche per i clienti istituzionali, che da anni fanno riferimento alle soluzioni multi asset innovative e dinamiche di AllianzGI, facendone un leader riconosciuto nel campo istituzionale”.

Il futuro del multi asset

La diversificazione è la chiave della gestione del portafoglio. Sfortunatamente, la diversificazione tradizionale presenta una grave mancanza: non funziona proprio quando servirebbe di più, ovvero nei periodi di maggiore instabilità dei mercati. Oggi la ricerca di nuove soluzioni è ancora più importante, alla luce dei crescenti timori per le prospettive di intensa volatilità in un momento di incertezza politica e macro-economica, nonché la difficoltà di generare rendimenti in un contesto di tassi di interesse bassi o addirittura negativi.

Thomas Zimmerer, Global Head of Multi Asset Product Specialists di AllianzGI, dichiara: “Siamo convinti che l’introduzione in portafoglio di strategie di asset allocation dinamica possa aiutare gli investitori a gestire tali rischi e offra una nuova fonte di rendimento ulteriore rispetto alla selezione titoli e all’asset allocation tradizionale. Adottando un sofisticato processo di investimento che individua e reagisce ai trend in atto fra le varie asset class e a loro interno, ricorriamo ad una vasta gamma di approcci di asset allocation dinamica per ottimizzare la diversificazione dei portafogli, ridurre il rischio e migliorare il potenziale di rendimento”.

Tre diversi approcci all’allocazione dinamica

Zimmerer distingue tre approcci di asset allocation dinamica alla base della nuova generazione di prodotti multi asset di AllianzGI:

– Dynamic beta enhancement: alla base dei portafogli Allianz Dynamic Multi Asset Strategy, punta ad aumentare il rendimento e ridurre il rischio nei periodi di forte tensione sul mercato.

– Dynamic risk parity: i parametri di allocazione sono espressi tramite la ponderazione dei rischi, anziché degli asset.

– Dynamic alpha (spesso indicato come “managed futures”): punta a generare puro alpha dai trend delle asset class senza un contesto di beta strategico e funge da ulteriore elemento di diversificazione nel paniere di strumenti alternativi liquidi di un portafoglio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

ASSET CLASS in edicola: “Gestori attivi per vocazione”

Banca Generali, AllianzGI sopra il 5%

Allianz GI: il futuro passa dall’Asia

Quanti guadagni con la volatilità

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

D’Avenia (Allianz Gi): “Il risparmio gestito è ancora in forma”

Allianz GI promuove Vigliotti

Allianz GI: nella disruption generale, la gestione attiva è fondamentale

Allianz Global Investors rafforza la struttura commerciale in Italia

Tensioni geopolitiche primo fattore di rischio percepito

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

AllianzGI prende Mahajan da MetLife

E’ IN EDICOLA IL NUOVO IFINANCE: ECCO LE ESCLUSIVE DI QUESTO NUMERO

Chan (Allianz Gi): “Perché le azioni asiatiche hanno ancora appeal”

Allianz GI lancia la prima strategia di investimento sull’intelligenza artificiale

Allianz Brazil Equity At rimbalza, ma il bilancio resta in rosso da inizio anno

Allianz GI: la svalutazione del Renminbi e l’impatto sui mercati

Allianz Global Investors getta le reti a Marr e va sopra il 5%

Allianz Global Investors, Tobias Pross a capo del business Emea

Ras Lux Equity Europe torna a far sorridere i sottoscrittori

Allianz Global Investors: le tre “frecce” per la crescita dell’Eurozona

Alberto D’Avenia (Allianz GI): “nella seconda parte dell’anno puntiamo alla gestione attiva”

Allianz Global Investors Top Funds Marzo 2013

Allianz Global Investors Top Funds Febbraio 2013

Allianz Global Investors Top Funds Gennaio 2013

Allianz GI arricchisce l’applicazione con nuovi tool e contenuti

Le parole del gestore: Allianz GI, meglio il debito del Nord Europa

Fondi, Allianz GI fa crescere l’offerta di Fineco

Crisi: alla ricerca di rendimenti reali positivi

Allianz GI, l’economia verde ridarà slancio alla crescita

Il sesto ciclo Kondratieff: fase di crescita trainata dall’economia sostenibile

Banche spagnole, Allianz GI: la saga continua

Allianz gi, per Neil Dwane l’azionario resta interessante

Ti può anche interessare

Bmo annuncia la chiusura della strategia BMO LGM Frontier Markets Strategy

Dal lancio nel 2011, la strategia costituita da tre fondi, gestiti da Thomas Vester con Dafydd Lewis ...

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Entra nella squadra della società di gestione Owen Job, che ha 12 anni di esperienza con un focus ...

Gam: l’Italia preoccupa ma il mercato esagera

Quello che è attualmente in discussione sono le regole che l’Italia dovrà rispettare in qualità ...