Fondi, Jupiter si lancia sull’Eurozona

A
A
A

Un nuovo comparto per la società

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 novembre 2018 | 15:00

Sicuramente se in questo periodo sentiamo parlare di Eurozona, il più delle volte è per discutere della diatriba tra Commissione e Governo italiano. C’è però chi non si lancia influenzare troppo dall’attualità e decide di adottare un fiducioso approccio “scientifico” relativo alle opportunità offerte da quest’area. Per esempio Jupiter, società che ha annunciato il lancio del fondo Jupiter Eurozone Equity, un comparto della SICAV Jupiter Global Fund. Gestito da Cédric de Fonclare, Head of Strategy, European Opportunities, insieme al co-gestore Greg Herbert, il fondo punta a conseguire una crescita del capitale nel lungo termine (con un orizzonte temporale da 3 a 5 anni).Si tratta di un fondo gestito senza vincoli focalizzato su 40-50 titoli azionari, che investe almeno il 70% dei propri asset in società che hanno la propria sede o che conducono la maggior parte delle proprie attività nei Paesi dell’Eurozona. Il team di gestione si concentra sulle società che, secondo il suo parere, offrono prospettive interessanti in termini di crescita del capitale, tenendo presente anche i trend economici e gli sviluppi del business.

Cèdric de Fonclare è entrato in Jupiter nel 1999 e attualmente ricopre il ruolo di Head of Strategy, European Opportunities. Cédric gestisce il fondo Jupiter European Opportunities (SICAV), un fondo azionario unit-trust domiciliato in UK e alcuni asset istituzionali. Greg Herbert, invece, è entrato a far parte del team European Opportunities di Jupiter nel 2007. Attualmente, gestisce un fondo azionario unit-trust domiciliato in UK e lavora al fianco di Cédric de Fonclare nella gestione del fondo Jupiter European Opportunities (SICAV).

Andrea Boggio, Country Head of Italy di Jupiter, ha commentato: “In Jupiter, cerchiamo costantemente di ampliare la nostra gamma di prodotti offrendo, ove possibile, soluzioni che possano rispondere alla domanda dei nostri clienti. Nell’attuale contesto di mercato, gli investitori sono sempre più alla ricerca di prodotti che offrano loro accesso a un’ampia gamma di opportunità d’investimento in tutta Europa, seppur con una esposizione limitata al rischio valute, in particolare alla sterlina, considerata la forte esposizione del Regno Unito negli indici europei. Il portafoglio che lanciamo oggi è stato pensato proprio per rispondere a questa necessità”.

Cédric de Fonclare, co-gestore del fondo Jupiter Eurozone Equity, ha aggiunto “Guardando al futuro, crediamo che nonostante i fondamentali economici e delle singole società in Europa rimangano forti, le turbolenze sui mercati saranno sempre più comuni. In qualità di gestori stock-picker che guardano ai fondamentali, crediamo che maggiore volatilità possa portare interessanti opportunità per comprare titoli di società di livello che il mercato potrebbe sottovalutare. Ci concentriamo sul cercare di mantenere un portafoglio diversificato e liquido allo stesso tempo, composto da titoli di qualità che possono essere acquistati a sconto; una strategia che crediamo possa tracciare la migliore strada per rendimenti interessanti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, le elezioni italiane non minacciano l’Eurozona

Eurozona: inflazione e fiducia i due grossi timori

Eurozona: cresce il tasso di inflazione

Ti può anche interessare

Il Pir nel target di Amundi

Arriva il primo fondo target maturity che investe secondo le logiche dettate dalla normativa sui Pir ...

Polizze Vita, se il capitale non è più garantito

Il quotidiano Mf dedica un ampio servizio alla riforma dei prodotti assicurativi del ramo I. Il n ...

Fondi, Oddo va di short

Un nuovo comparto che opera secondo logiche di bassa duration ...