Ubi Banca, Massiah può firmare per acquisizione good bank

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Dicembre 2016 | 11:04

UBI BANCA PRONTO ALLA FIRMA – Ubi Banca in rialzo del 2,23% a Piazza Affari, dove il titolo oscilla a 2,664 euro per azione dopo che sono passati di mano oltre 4,5 milioni di azioni. Come previsto ieri sera il Consiglio di Gestione ed il Consiglio di Sorveglianza di Ubi Banca hanno conferito all’amministratore delegato Victor Massiah il mandato a firmare per l’acquisizione delle tre “good bank” (Banca Marche, Banca Etruria e CariChieti) subordinatamente ad una serie di condizioni.

RESTA SOLO DA DEFINIRE CESSIONE NPL – La firma definitiva è prevista entro questa settimana o subito dopo Natale, essendo stato rimosso l’ostacolo principale rappresentato dalle richieste iniziali della Bce per autorizzare l’operazione (autorizzazione che informalmente sarebbe già stata resa nota all’istituto). Ancora da definire sarebbe invece il tema degli Npl da ripulire dai bilanci dei tre istituti per un totale di circa 2,7 miliardi di euro lordi; si attende infatti l’intervento del fondo Atlante che a fronte di una cartolarizzazione “stile Mps” potrebbe rilevare una tranche mezzanina per circa 200 milioni di euro, nei primi mesi del 2017.

IL COSTO DEL SALVATAGGIO E’ SALATO PER ORA – Poiché il prezzo che Ubi Banca pagherebbe sarebbe una cifra simbolica (si parla di 1 euro), rischiano di andare in fumo gli 1,6 miliardi di euro dati a prestito al Fondo di Risoluzione da un consorzio composto da Unicredit, Intesa Sanpaolo e dalla stessa Ubi Banca, capitali a cui andrebbero aggiunti 200-250 di ulteriore aumento di capitale per i tre istituti che il Fondo di Risoluzione si sarebbe impegnato a effettuare prima della cessione. Per riuscire a recuperare parte della somma alle banche non resta che sperare che la bad bank REV – Gestione Crediti riesca a recuperare almeno una parte degli 8,5 miliardi di Npl delle originali quattro banche “risolte”. Sempre che per mettere in salvo la quarta “good bank” (CariFe), non siano necessari ulteriori interventi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti