La curiosa relazione fra bitcoin e prezzo dell’oro

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 10 Gennaio 2020 | 16:30

A cura di Federico Izzi, The Cryptonomist

Giovedì oltre l’80% delle criptovalute è stato in territorio negativo con ribassi medi intorno al 5%. Al contrario di quanto accaduto nei giorni precedenti, quando si sono registrati rialzi nel momento in cui arrivavano le notizie di geopolitica, l’attenuarsi delle tensioni tra Usa e Iran ha visto bitcoin arretrare e tornare sui livelli di martedì, con un ribasso del 6% dai massimi toccati con il lancio dei missili iraniani. Ieri si è registrato un movimento ribassista in linea con le percentuali di ritracciamento dell’oro.

Dai massimi di mercoledì notte, giovedì bitcoin ha perso il 6%, mentre l’oro ha registrato un -4,5% confermando un’elevata correlazione nell’andamento dei prezzi, condizione raramente verificatasi più volte per così tanto tempo nel corso degli ultimi anni.

Rimanendo nell’ambito delle criptovalute, tra i pochi segni positivi di ieri è emerso lisk, migliore della giornata con un rialzo del 15%. Bene anche ethereum classic, salito del 2,5%. In attesa del prossimo hard fork in programma il 12 gennaio il movimento attira gli acquisti di Etc. Continua a fare bene anche monero che anche giovedì è salito del 2%. Monero, con il rialzo di ieri, si rivela migliore performance tra le prime 50 crypto su base settimanale con un +25%.

La capitalizzazione, dopo aver raggiunto i massimi di mercoledì oltre i 210 miliardi di dollari, che non registrava dalla metà di novembre 2019, giovedì è scesa poco sotto tale livello. Nonostante il ribasso di bitcoin, che si è spinto oltre il -5% in alcuni frangenti della giornata, la dominance è rimasta ancorata al 69%. Invariata anche quella di ethereum, al 7,2%, come quella di ripple al 5,2%.

Bitcoin

Per l’ennesima volta negli ultimi sette mesi, bitcoin ha testato la prima trendline dinamica discendente senza un esito positivo che vede appunto colpire nuovamente il rialzo e respingere giovedì i prezzi del bitcoin sotto la soglia dei 7.900 dollari, dopo aver toccato gli 8.500 dollari mercoledì.

È una discesa che al momento non intacca la struttura rialzista che bitcoin ha disegnato dal minimo relativo del 3 gennaio in area 6.300 dollari, ma è necessario nelle prossime ore tornare a sostenere il rialzo sopra la soglia dei 7.600-7.700 dollari. Un ritorno sotto questo livello invaliderebbe la struttura rialzista in corso.

Ethereum

Anche ethereum giovedì, dopo aver sfiorato i 148 dollari, livello più alto dallo scorso 10 dicembre, ha trovato le prevalenze di prese di beneficio che hanno riportato i prezzi in area 137 dollari. Per ethereum la struttura tecnica è simile a quella di bitcoin, con la necessità di trovare un consolidamento sopra i 134 dollari nei prossimi giorni per poter impostare un nuovo allungo che verrebbe confermato con prezzi successivamente sopra i 150 dollari.

Ethereum invaliderebbe l’attuale struttura rialzista iniziata con i minimi di periodo di dicembre con un ritorno dei prezzi sotto i 132-130 dollari. È necessario per ethereum dare un deciso secondo segnale rialzista dopo il primo arrivato lunedì scorso con la rottura della trendline dinamica ribassista che costringeva il trend da oltre sei mesi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, Bitcoin come oro digitale: una prospettiva multi-asset

Etp, WisdomTree quota un prodotto sul Bitcoin in Germania

Tasse, in Svizzera anche il Canton Ticino accetterà pagamenti in Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X