Istat, sale l’inflazione

A
A
A
di Giacomo Berdini 16 Dicembre 2009 | 13:30
A novembre l’inflazione fa registrate variazioni in positivo dello 0,4%, rimangono stabili i prezzi legati ai servizi di abitazione ma cresce il costo della spesa quotidiana.

Inflazione in aumento nel mese di novembre, dallo 0,3% di ottobre infatti il tasso è salito allo 0,7% nel corso del mese trascorso. Questo secondo i dati dell’istituto Istat, che comunica inoltre l’invariabilità dei prezzi su base mensile, mentre al 30 novembre si prevedeva un aumento dello 0,1% su base congiunturale.
Se gli andamenti di novembre verranno confermati, il tasso d’inflazione acquisito per il 2009 è dunque pari al +0,7% mentre, per quanto riguarda l’inflazione di fondo e quella al netto dell’energia non si registrano variazioni rispetto ad ottobre, con un tasso di novembre che si mantiene stabile al +1,3%.

In incremento anche l’ indice armonizzato dei prezzi al consumo per i Paesi dell’Unione europea (Ipca) che a novembre registra un +0,8% su base annua e +0,1% su base mensile. Questa accelerazione dei prezzi risente in particolare dei rialzi nel comparto energetico, mentre si registra una lieve flessione dello 0,2% nel settore dei servizi. Gli incrementi più significativi provengono dai capitoli Trasporti e Altri beni e servizi, che registrano un +0,5% in entrambi i comparti, in aumento dello 0,1% Bevande alcoliche e tabacchi, Abbigliamento e calzature e Mobili.
Variazioni congiunturali nulle per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche, per l’abitazione, acqua e elettricità, per servizi sanitari e spese per la salute e per l’istruzione e in calo su base mensile per servizi ricettivi e di ristorazione e comunicazioni.

Su base annua si registrano incrementi maggiori su bevande alcoliche e tabacchi (+2,7%) e istruzione, che registra un aumento del 2,5%.
In negativo la variazione per l’abitazione, l’acqua, elettricità e combustibili, tutte tendenzialmente al -2,1%.
Per quanto riguarda i beni di largo consumo, come la spesa quotidiana, i prezzi sono aumentati dell’1,2% su base annua e dello 0,3% su base mensile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fatturato industriale a -11,5% nel 2020, peggiore risultato dal 2009

Pil Italia, l’Istat rivede la crescita del terzo trimestre. E il 2021 andrà peggio del previsto

Effetto Covid, persi 500mila posti di lavoro. Ed è solo l’inizio

NEWSLETTER
Iscriviti
X