Titolo da monitorare – Parmalat

A
A
A
di Redazione 21 Settembre 2010 | 07:30
Gli spettri del passato non fanno dormire sonni tranquilli alle quotazioni di Parmalat che da giovedì, quando ha avuto inizio la requisitoria del processo principale per la bancarotta del Gruppo, hanno subito un forte storno.

Gli imputati all’interno del processo che ruota attorno a Parmalat e che nel 2003 ha fa fatto emergere un buco da 14 miliardi di euro sono 17. Uno dei pm che si sta occupando del caso ha definito la Parmalat di Tanzi come “la più grande fabbrica di debiti del capitalismo europeo”. L’area resistenziale posta a 2 euro, che in luglio aveva arrestato il rialzo ancor prima che venissero pubblicati i risultati trimestrali del gruppo alimentare, ha messo in mostra la propria significatività provocando un nuovo storno dei corsi che avevano progressivamente recuperato il terreno perso.

In assenza di un segnale di forza riconfermiamo il nostro giudizio neutrale sul trend di medio e di breve periodo dei corsi. Sebbene il superamento del massimo disegnato questo mese rappresenterebbe un importante indicazione rialzista, riteniamo che gli ostacoli che le quotazioni si troverebbero a dover affrontare sarebbero molti ed impegnativi. Pertanto riteniamo che la strategia più interessante sia costituita da un acquisto sulla debolezza nel caso in cui il titolo dovesse raggiungere il supporto a 1,82 euro. La rischiosità della strategia impone di fissare uno stop loss vicino al livello d’ingresso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X