Ftse Mib, aumenta il rischio di un downtrend di medio termine

A
A
A
Avatar di Fabio Pioli 25 Settembre 2020 | 08:45

Bisogna dire la verità: il ribasso sull’indice Ftse Mib che c’è stato in settimana (Figura 1) può dirsi eccessivo solo dal punto di vista delle oscillazioni giornaliere.

Figura 1. Future FtseMib – grafico giornaliero

Mentre dal punto di vista settimanale è ancora tutto rientrante nell’ordinaria amministrazione, in quanto i prezzi si trovano ancora e fino a prova contraria in un laterale che dura da 17 settimane (Figura 2).

Figura 2. Future FtseMib – grafico settimanale

Attenzione però perché se l’ ipotesi di Figura 3 fosse vera si uscirebbe dal laterale molto presto e molto direzionati.

Figura 3. Future FtseMib – grafico giornaliero

Se quindi la positività generale è a rischio ma non compromessa, alcuni titoli si trovano in una posizione di relativa forza per poter tornare a viaggiare al rialzo.

E’ il caso di Juventus che, a condizione di superare la resistenza posta a 0,935 euro, potrebbe trovare lo sprint per spingersi oltre (Figura 4).

 Figura 4. Juventus FC – grafico settimanale

Eni è invece in una situazione diversa, tanto che solo la tenuta confermata del suo minimo precedente potrebbe evitare al titolo l’ infausta sorte di rompere al ribasso i 6,26 euro (Figura 5).

Figura 5. Eni – grafico settimanale

A cura di Fabio Pioli, trader, analista finanziario e Fondatore di CFI (www.cfionline.it)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fib, seduta in stretto trading range

Poste Italiane prossimo al test di un importante livello di supporto

ITForum Online Week, top trader italiani: alle 16.30 l’intervista a Eugenio Sartorelli

NEWSLETTER
Iscriviti
X