Usa, economia ancora in affanno

A
A
A
Avatar di Redazione 20 Agosto 2010 | 06:45
Le richieste di sussidio alla disoccupazione sono volate ai massimi degli ultimi 9 mesi, riaccendendo le preoccupazioni sulla tenuta della ripresa. Intanto l’indice della FED è crollato e il presidente Obama…

Ancora preoccupazioni per l’economia americana. Le richieste di sussidio alla disoccupazione sono volate ai massimi degli ultimi 9 mesi, riaccendendo le preoccupazioni sulla tenuta della ripresa. Le richieste di sussidio alla disoccupazione sono salite la scorsa settimane di 12.000 unità a quota 500.000, ovvero il livello più elevato dal 14 novembre 2009. E segnali non più confortanti arrivano dagli altri indici economici.
L’indice della FED di Philadelphia che monitora il comparto manifatturiero si è attestato in agosto a -7,7 contro il 5,1 di luglio. Intanto il Congressional Budget Office (Cbo) lancia l’allarme sui conti pubblici. 

Il deficit federale sarà superiore ai 1.000 miliardi di dollari anche nell’anno fiscale 2011: «un deficit ampio, che si traduce in un incremento del debito, può ridurre nel lungo termine la crescita economica. Per rimettere gli Stati Uniti su una traiettoria fiscale sostenibile» ribilanciando i conti pubblici – sostiene il Cbo – Washington si troverà ad affrontare sfide molto difficili, fatte di una riduzione sostanziale della spesa e di un aumento significativo delle entrate.

Per l’anno fiscale 2010 il Cbo (organismo indipendente incaricato dal Governo americano di fornire analisi economiche al fine di aiutare i parlamentari ad assumere decisioni di bilancio) prevede un deficit federale di 1.342 miliardi di dollari, ovvero il 9,1% del pil, in calo rispetto ai 1.413 miliardi di dollari del precedente esercizio e in lieve flessione rispetto alle stime di gennaio.

Per il 2011 il rosso di bilancio invece risulterà pari a 1.066 miliardi al 7% del pil, oltre quindi i 996 miliardi stimati in precedenza. Per gli anni 2012 e 2013 il deficit dovrebbe attestarsi rispettivamente a 665 e 525 miliardi di dollari, contro i 650 miliardi e i 539 miliardi di dollari stimati in gennaio.  

Dati, questi, che spingono Obama a premere nuovamente sul Congresso per l’approvazione degli sgravi fiscali e delle altre misure a favore delle pmi, che negli ultimi mesi dello scorso anno hanno creato il 60% del totale nuovi posti di lavoro negli Usa.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

NEWSLETTER
Iscriviti
X